”" I musicisti - Camera Musicale Romana >

I musicisti - Camera Musicale Romana

Privacy Policy
Vai ai contenuti

Menu principale:

I musicisti

Alessio Monti, chitarrista e compositore,
inizio' la sua esperienza musicale nel 1966 suonando la chitarra elettrica in numerosi gruppi pop e scrivendo canzoni contro la guerra.Qualche anno dopo la sua esperienza rock, inizio' a studiare la chitarra classica e nel 1983 si e' diplomato con il massimo dei voti presso il Conservatorio "L. Cherubini" di Firenze sotto la guida del M. A. Company, dopodiche' ha iniziato la carriera concertistica che lo ha portato ad esibirsi in alcuni fra i piu' importanti Teatri di Europa, Asia, Africa, Nord e Sud America, invitato da prestigiose Istituzioni musicali ed acclamato dal pubblico e dalla critica. -Durante i suoi viaggi in oriente ha avuto modo di approfondire certe particolarita' della musica e della filosofia trasferendole in una veste vicina a quella occidentale introducendo interessanti innovazioni. -Ha inciso 24 CD, con musiche di vari autori e di propria composizione per chitarra sola, con orchestra e con vari strumenti etnici e suoni elettronici, ottenendo ottime critiche da parte della stampa italiana ed estera per le sonorita' nuove impiegate al servizio di un personalissimo modo di sentire e trasmettere la musica. -Alessio Monti, durante le sue numerose tournee, viene spesso invitato per workshops e conferenze riguardo al suo nuovo modo di scrivere e concepire la musica e il modo di accostarvisi. -Ha tenuto Masterclass presso: "Escuela Universitaria de Musica"(Montevideo), "Conservatorio A. Barrios" (Asuncion), "National Conservatory" (Nairobi), "Univerditade" (Rio de Janeiro), "India International Center" (New Delhi), "Hofstra University" (New York), "Conservatorio Nacional" (Santiago del Cile), "Bangkok Guitar Society", Bangkok, ‚"Colegio Internacional Raimondi‚", Lima (Peru). Cherubini Conservatoire, Florence (Italy), Silipakorn University, Bangkok. -Ha effettuato registrazioni in diretta per numerose emittenti televisive e radiofoniche di tutto il mondo. -Una importante linea di corde per chitara classica porta il suo nome. -La sua biografia , le sue opere se una sua registrazione sono inserite nella "Enciclopedia dei compositori contemporanei". -Attualmente risiede in Thailandia, dove e' docente presso il Music College of Payap University in Chiang Mai. -Ha appena ultimato la composizione ed esecuzione di musiche di background che accompagnano la recitazione in italiano della Bhagavad Gita, il poema sacro Indu, edito, libro con tre CD, dalla Libreria Esoterica, Milano. -E' presidente delle Giurie di Concorsi Chitarristici e di composizione in vari paesi.
Hanno scritto:
"...Alessio Monti e' forse meglio descritto come il primo fra tutti..." (Paul Fowles, "Classical Guitar") "... uno dei piu' grandi chitarristi del mondo..." ("The Sunday Nation", Nairobi) "... una tecnica formidabile, una grande sensibilita'.." ("The Times of India", New Delhi) "... un fantastico artista.." (C. Coppola, Salonicco) "... il suo concerto e' stato un evento memorabile ("Arte y Espectaculos", Asuncion Paraguay)" "...Monti e' un chitarrista di eccezionale li rismo, il suo virtuosismo e' subordinato al sevizio dell'espressione e cio' comprova la sua tecnica completa... " (Ragava R. Menon, "Daily Indian Express") "...un chitarrista di rara bravura.." ("Corriere Eurafrica", Tunisi) "...una ottima esibizione.." (A. Ugrinsky, New York) "...un grande musicista..." (D. L. Menazes, Bombay) "...un concerto da ricordare.." (P. Codreanu, Bucarest) "...Alessio Monti rappresenta l'apogeo della Scuola Italiana di chitarra, posso facilmente affermare che rappresenta una ricchezza nazionale per l'Italia e sicuramente uno dei piu' emozionanti e completi chitarristi..." (Larry Cooperman, President of "New Millennium Guitar Publications") "...Monti occupa senza dubbio una posizione di primo piano nel mondo del concertismo..." (Lorenzo Aguirre Romano, "El Pays", Montevideo)
Marcella Orsatti Talamanca
Studia pianoforte presso il Liceo Musicale di Monza, diplomandosi nel 1993 presso il Conservatorio“A. Pedrollo”di Vicenza sotto la guida di Vincenzo Balzani. Segue contemporaneamente gli studi umanistici diplomandosi in Lingue e Letterature straniere e frequentando quindi i corsi di Musicologia presso l'Università di Cremona.
Nel 2001 vince il Primo Premio al Concorso Internazionale “Toti dal Monte” di Treviso e debutta nel ruolo di Alice nel Falstaff e di Vitellia ne La Clemenza di Tito nel Concorso As.Li.Co nei seguenti Teatri: Comunale di Piacenza, Grande di Brescia, Ponchielli di Cremona.
Successivamente è Hanna Glawari in La Vedova Allegra nella produzione della Fondazione “A. Toscanini”, diretta da Massimo de Bernart, al Teatro Nuovo di Salsomaggiore e al Carani di Sassuolo.
Nel 2002 vince il Primo Premio al Concorso di Spoleto. Debuttando nel ruolo di Violetta in La Traviata e poi in quello della Contessa ne Le Nozze di Figaro.
Nel 2003 canta il ruolo di Licida ne L'Olimpiade di Pergolesi nei Teatri Alighieri di Ravenna e Valli di Reggio Emilia, sotto la direzione di Ottavio Dantone. Al Teatro Marrucino di Chieti interpreta Donna Elvira nel Don Giovanni di Mozart sotto la direzione di Massimo de Bernart.
Successivamente interpreta il ruolo di Elettra in Idomeneo di Mozart nell'ambito del Circuito Teatrale Lombardo.
Nel 2004 canta il ruolo di Contessa al Teatro Carlo Felice di Genova, e all'Opernhaus di Lipsia. Ottiene un grande successo personale anche per la sua interpretazione di Elettra (Idomeneo) presso il Grand Théâtre di Ginevra sotto la direzione di Michael Gielen.
Nel luglio 2004 prende parte alla prima esecuzione italiana di Le Congiurate di F. Schubert (Contessa Ludmilla), diretta da Gérard Korsten e con la regia di Denis Krief, al Teatro dei Rozzi di Siena: qui torna l’anno seguente per Die Heimkehr aus dem Fremde (Lisbeth) di Mendelssohn, sempre con la direzione di Korsten.
Canta nei ruoli di Contessa, di Fiordiligi (Così fan tutte) e di Donna Elvira in tre stagioni successive al Teatro Carlo Felice di Genova; è poi Alice nel Falstaff presso l'Opernhaus di Essen.
Nell’agosto 2005 interpreta la Contessa (Nozze di Figaro) sotto la direzione di Gianandrea Noseda durante le Settimane Musicali di Stresa.
Nel gennaio 2006 debutta con grande successo personale al Teatro alla Scala di Milano, nel ruolo della Contessa sotto la direzione di Gérard Korsten: la recita, ripresa in diretta radiofonica nazionale, verrà successivamente trasmessa dalla Rai.
Nell’ottobre-dicembre 2006 interpreta il ruolo di Fiordiligi alla Staatsoper di Amburgo, al Grand Théatre di Ginevra.
Nel 2007 canta il ruolo del Piacere nel Trionfo del Tempo e del Disinganno di Haendel  presso la Sagra Malatestiana di Rimini.
Nello stesso anno debutta al Teatro Regio di Torino come Alice nel Falstaff verdiano, con la direzione di Gianandrea Noseda; nello stesso Teatro torna nel 2008 come Vitellia (La Clemenza di Tito), diretta da Roberto Abbado.
Sempre nel 2008 canta nella Messa in do minore di Mozart e debutta con successo il ruolo di Donna Anna presso l’Aalto-Theater di Essen, con la direzione di Stefan Soltesz.
Ha lavorato con registi quali: Lorenzo Arruga, Ursel e Karl-Ernst Hermann, Krief, Pier Luigi Pizzi, Graham Vick.

Michelangelo Carbonara, pianoforte
Deve la sua formazione pianistica alle personalità di Sergio Perticaroli, William Grant Naboré e Fou Ts'ong. Si diploma nel 1996 con il massimo dei voti sotto la guida di Fausto Di Cesare. Nel 1999 vince la borsa di studio quale migliore diplomato dell'anno nella classe di Sergio Perticaroli presso l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Si è inoltre perfezionato presso il Mozarteum di Salisburgo e l'Academie Musicale di Villecroze, in Francia. Ha seguito masterclasses tenute da Bruno Canino, Dominique Merlet e Gyorgy Sandor. Dal 2001 è stato scelto per seguire le esclusive masterclasses presso l'International Piano Foundation "Theo Lieven" di Cadenabbia e l'International Piano Academy Lake-Como presieduta da Martha Argerich.
È vincitore di 17 premi in concorsi internazionali (tra cui lo Schubert di Dortmund). Nel 2003 ha effettuato una tournèe in Cina, esibendosi fra l'altro al Conservatorio Centrale di Pechino. Nel giugno 2007 ha debuttato alla Carnegie Hall di New York ed oggi la sua carriera lo porta ad esibirsi in numerosi paesi d'Europa, America, Asia ed Africa. Ha inciso per Papageno, Tactus, Suonare Records, Brilliant Classics. Nel 2007 è diventato uno tra gli artisti sostenuti dal CIDIM, all’interno del Fortuna Piano Trio. Affianca all’attività concertistica quella didattica. Ha tenuto masterclass in Romania, Cina e Canada. Attualmente è docente di pianoforte principale presso il Conservatorio Gesualdo da Venosa di Potenza.
L’Ensemble vocale ‘Il Gioco delle Parti’
è un gruppo di nascita recente, i cui membri hanno condiviso però già l’importante percorso formativo e vocale costituito dall’Ensemble vocale “Il Diletto”, dal quale quasi tutti provengono e dove hanno lavorato sempre sotto la direzione di Alessandro d’Agostini: in quella formazione hanno approfondito prevalentemente un repertorio vocale che spaziava dal ‘400 e ‘500 fiammingo, spagnolo e italiano al primo Barocco tedesco, affrontando tuttavia anche un parallelo lavoro sui repertori sacri della tradizione slava ed armena. Con questi programmi il gruppo si è esibito in importanti occasioni concertistiche: ricordiamo la partecipazione, salutata da grande successo, al Festival ‘Voci del Sacro’, svoltosi in Umbria, con un concerto intitolato “Vox Ecumenica” e dedicato a musiche provenienti da differenti tradizioni del Cristianesimo; ricordiamo inoltre i concerti romani nella Basilica di Santa Cecilia in Trastevere, nella Chiesa di San Giorgio al Velabro e in quella di Santa Maria a Monti, sempre caratterizzati da lusinghiere accoglienze da parte del pubblico e della stampa.
La nuova formazione “Il Gioco delle Parti”, pur mantenendosi volutamente eclettica nella scelta del repertorio, si caratterizza però per una spiccata propensione rivolta alla musica del Novecento: autori quali Debussy, Ravel, Hindemith e Britten sono i compositori sui quali il gruppo si sta attualmente specializzando sotto la guida del suo Direttore Musicale e fondatore, Alessandro d’Agostini.
La scelta stessa del nome (dalla omonima commedia teatrale di Pirandello) vuole sottolineare questa particolarità, accanto ad una ricerca di interazioni musicali, di fusione vocale, ma anche del semplice piacere di cantare insieme in una dimensione quasi ludica, caratteristiche che contraddistinguono il lavoro di questo Ensemble.
Nel 2011 ha preso parte a due importanti progetti, il primo dedicato alla musica del primo ‘900 francese e inglese (Il limite inquieto, concerto nella Sala dell’Immacolata, presso la Basilica di SS.Apostoli, in Roma), il secondo rivolto alla realizzazione in prima esecuzione a Roma del celebre oratorio di Michelangelo Falvetti Il Diluvio Universale,ottenendo una lusinghiera accoglienza  di critica e di pubblico
Ultimo, ma non certo per importanza e consensi, il programma dedicato nel 2014 ai due geni della musica inglese Purcell e Britten

Tiziana Guaglianone, soprano
Diplomata in Canto lirico con il massimo dei voti ha conseguito la laurea in Discipline Musicali
presso il Conservatorio di Perugia.
Ha intrapreso giovanissima lo studio del Pianoforte e poi del Canto dedicandosi con particolare
cura alla ricerca e allo studio di musiche del’700 di scuola napoletana.
Di questo periodo è una rara pagina di Leonardo Leo, un Salve Regina ritrovato presso
il Conservatorio S.Pietro a Majella di Napoli,che ha eseguito incidendo un cd con l’orchestra
del Conservatorio di Kosice (Rep. Slovacca).
Ha partecipato a numerosi concerti in qualità di solista con le orchestre dei conservatori di
Kosice,Zilina e Banska Bistrica (Rep.Slovacca) sotto la direzione del M° Buras, con l’Orchestra
Giovanile Partenopea e con la Camerata Pergolesi di Cracovia.
Ha vinto alcuni concorsi di canto tra cui: 1° e 2° premio città di Agropoli(SA) e 1° premio città
di Bacoli(NA). Nel 2004 è vincitrice del 1° premio assoluto al concorso Camerata Sant Cugat
(Barcellona). Ha partecipato a corsi di perfezionamento tenuti da docenti quali : Mietta Sighele,
Veriano Luchetti, Rolando Panerai,Maurizio Arena e, ultimamente, con Mariella Devia.
Nel 2001 ha ricoperto il ruolo di Rosina nel Barbiere di Siviglia di G.Rossini al teatro di Presov
(Rep. Slovacca) e, sempre per lo stesso teatro, nel 2002 è Lucia nella Lucia di Lammermoor di
G.Donizetti e Gilda nel Rigoletto di G.Verdi.
A ottobre 2004 è Lauretta ne “Il Maestro di Musica” di G.B.Pergolesi sotto la direzione del
M° Volpe col quale eseguirà anche “ Il divertimento dei Numi” di G.Paisiello e
“Le quattro stagioni” di D.Scarlatti.
Nel 2007 ha tenuto un concerto alla Sala dei Notari di Perugia con orchestra e coro del Conservatorio eseguendo arie d’opera di Donizetti.
Nel 2009, accompagnata dalla Nuova orchestra regionale “D.Alaleona” e diretta dal M° Lamberto
Lugli, ha eseguito arie tratte da opere del’700 musicale Marchigiano a Pievebovigliana(MC).
Nello stesso anno presso il Teatro Filippo Marchetti di Camerino prende parte alla prima esecuzione integrale in epoca moderna dell’azione tragica “Piramo e Tisbe”di Venanzio Rauzzini nel ruolo della protagonista.
A dicembre 2009 si esibisce in un concerto organizzato dall’Istituto Italiano di cultura e dalla Ambasciata d’Italia in Marocco al Teatro Mohammed V di Rabat eseguendo arie d’opera di Rossini, Donizetti e Puccini.
A Giugno 2010 è Rosina in una selezione de “ Il Barbiere di Siviglia” di G.Rossini nei Teatri di Damasco, Lattakia e Aleppo (Siria).
A Settembre 2010 si esibisce in un concerto a Roma nel prestigioso contesto di S.Teodoro al Palatino interpretando arie tratte da opere di Mozart, Verdi, Rossini e Gounod.
Successivamente nell’ambito del Festival pianistico di Roma organizzato dall’Associazione Concertistica Romana tiene un concerto alla Biblioteca Angelica eseguendo arie tratte dalle opere italiane di Mozart.
A Marzo 2011 si è esibita in un concerto all’Opera Theatre di Damasco con la Syrian Philharmonic
Orchestra eseguendo arie tratte da Lucia di Lammermoor, Capuleti e Montecchi , Rigoletto e Traviata.
Ad Aprile 2012 ha eseguito i Carmina Burana di C.Orff per soli, coro e due pianoforti all’Auditorium San Domenico di Foligno.
Ad Ottobre 2012 ha eseguito musiche di Palestrina e Villa Lobos con l'ensemble Edoné diretta dal M. Pierpaolo Cascioli presso l'Ambasciata del Brasile a Roma
A marzo 2013, in occasione della Santa Pasqua ha eseguito in prima assoluta la "Passio " per voce recitante, soli e orchestra del M. Pierpaolo Cascioli presso l'Accademia Filarmonia Romana
Nel 2014 esegue lo Stabat Mater di Luigi Boccherini con l'ensemble "Canto di Eea" e in seguito , accompagnata a pianoforte dal M. Marco Scolastra e con la voce recitante del M. Elio Pandolfi ha eseguito lieder di Schubert ottenendo sempre favorevoli riscontri di critica e di pubblico
Ulltimamente ha fatto parte del progetto " Galà italiano" , presentato in Italia e all'estero dall'Associazione Concertistica Romana, in collaborazione con le Ambasciate d'Italia e gli Istituti Italiani di Cultura
Arturo Stàlteri,
romano, si  è diplomato in pianoforte al Conservatorio Alfredo Casella de L'Aquila. Ha studiato a Roma con Vera Gobbi Belcredi, a Parigi con Aldo Ciccolini e ha frequentato, come allievo effettivo, i corsi di perfezionamento di Vincenzo Vitale e Konstantin Bogino. Ha composto le musiche per il balletto “Visione dai Tarocchi” di Barbara Schaefer e le rappresentazioni teatrali “Artemisia”,  “Maschera” e “Angelika Bellezza” di Daniele Valmaggi. Ha inoltre realizzato le musiche per il film del 1921 “Selika”, per la regia di Ivo Illuminati.
Come critico musicale ha condotto il programma radiofonico “Il Pianoforte” per la Radio Vaticana (Studio A). Dal 1988 collabora con Rai Radio 3, per la quale ha condotto “Senza Video”, “Orione”, “Blue Note-Suoni Paralleli”, “Alfabeti Sonori”, “On The Road”, “Lampi”, “Il terzo anello”, “Fuochi”, “Il Concerto del mattino”, “File urbani”, “Primo Movimento”, “Alza il Volume!”, “Qui Comincia”, “Il Buon Natale”e “Winter Wonderland”;  per Radio Rai International ha condotto “Il Notturno dall’Italia”,  e per Rai Radio 2  “2 Marzo 1963”, “Volevo essere Mick Jagger”, “Jet Lag”, “Il cammello di Radio 2”, “Fuori Giri” e “Musical Box”. Per Rai Sat Show ha condotto il programma “Satisfaction”. Nel 2004 Franco Battiato lo ha coinvolto, come conduttore e musicista, nel suo primo programma televisivo, “Bitte, keine Réclame”.
Lo stesso Battiato gli ha offerto nel 2005 un  ruolo nel suo film “Musikanten”, presentato alla 62.ma Mostra del Cinema di Venezia, e lo ha coinvolto, nel 2014, nella stesura del suo documentario “Attraversando il Bardo”.

Svolge una vivace attività concertistica rivolgendo la sua attenzione anche ad autori dell'area extra-colta. Nelle sue performances per solo piano si ascoltano, oltre alle sue composizioni, brani di Debussy, Schubert, Mozart, Bach, Beethoven, Chopin, Liszt... e Sakamoto, Genesis, Sigur Ros,  Glass, Mertens...
Nel 2002 Stàlteri è stato protagonista di un concerto nello storico jazz-club Vortex di Londra. Ancora nella capitale inglese si è esibito nel 2003, nella prestigiosa sede della Chiesa di Saint Giles and Cripplegate (Barbican). Altri concerti in Svizzera e Germania.
E' spesso in giuria in concorsi pianistici nazionali ed internazionali.
Stàlteri ha cominciato a farsi conoscere con il gruppo Pierrot Lunaire, uno dei nomi storici del rock progressivo degli anni settanta, un gruppo che seppe mediare tra rock e classicismo e con il quale Stàlteri ha registrato due album per RCA:“Pierrot Lunaire” nel 1975 e “Gudrun” nel 1977 (recentemente la M.P. & Records ha pubblicato a nome PIERROT LUNAIRE l’album “3”, in cui Arturo reinterpreta MORELLA, in origine su GUDRUN; il cd contiene inoltre alcuni inediti  degli anni ‘70 e la riproposizione, da parte di numerose band di oggi, di alcuni classici dello storico gruppo romano).
Nel 1998, con Fabio Liberatori, pubblica “Empire Tracks”. Sempre nel 1998 esce il cd “Circles”, dedicato interamente alla musica di Philip Glass, con l'approvazione dello stesso Glass.
Il successivo lavoro discografico, “CoolAugustMoon”, per pianoforte e piccola orchestra, è  stato dedicato alla musica di Brian Eno. Anche in questo caso Stàlteri ha avuto la completa approvazione dell’artista interessato.
Nel 2002  torna a lavorare con Fabio Liberatori e pubblica “The Asimov Assembly”, da cui è tratto Il brano “My Son the Phisicist”, inserito nella colonna sonora del film “L'Amore è Eterno finché dura” di Carlo Verdone.
Ancora per Verdone Arturo Stàlteri ha interpretato musiche di Bach, Schubert e Chopin nel film “Grande, Grosso e Verdone” (2008).
Nel 2003 ha pubblicato “Rings – il decimo Anello”, ispirato alla saga di J.R.R. Tolkien.


Nel 2005 esce “Early Rings-Compositions 1974-75”.
Nel 2006  Stàlteri realizza un vinile trasparente con la “sua” versione di “Ruby Tuesday”  dei Rolling Stones (sul retro la strumentale “Liquid Stone”).
Nel 2007 esce “Child of .the Moon - Dieci Notturni e un’alba”.
Nel 2009 è la volta di “Half Angels”
Nello stesso anno  Arturo Stàlteri partecipa all’audio-book “Nessuna pietà”, accanto a  Marco Vichi,  Piero Pelù, Stefano Bollani, Ginevra Di Marco,  Riccardo Tesi, Cisco,  Massimo Carlotto, Carlo Lucarelli,  Luca Scarlini e molti altri.
Nel 2010  suona nel disco di Grazia Verasani “Sotto un cielo blu diluvio”.
L’8 Dicembre dello stesso anno l’etichetta Giapponese “1upmusic” immette sul mercato, solo in downloading,   “A Little Christmas Album”.  
Nel Novembre del 2011 “A Little Christmas album” viene pubblicato in Italia dalla M.P. & Records.
Il 26 Marzo 2012 esce il nuovo album dal titolo “Flowers 2”.
Il 22 Settembre del 2014  è la volta  di “In Sete Altere - Arturo Stàlteri suona Battiato”. L’album contiene inoltre due brani firmati dal binomio Stàlteri-Battiato.
Altre tracce sono: il brano “Gymnovalzer”, uscito sui cd allegati alla rivista SONORA 2/91; il brano “Un Notturno” su SONORA 3/93, “Broadwood”  e “Mulini” su THE GUIDE TO INTELLIGENT MUSIC 1 e 2, “Arabesque” su AI CONFINI INTERZONE per New Tone, “Pianure del Sorriso”, “Merry Christmas, Mr. Lawrence”, “Zawinul/Lava”, “The Moon and the Mirror”, “Rivendell” e “Starry Night” all’interno dei cd inclusi nella rivista NEW AGE & NEW SOUNDS. “Arabesque” è stato inoltre inserito nel cd SE IL CIELO FOSSE DI CARTA BIANCA, pubblicato dalla Regione Toscana come tributo per il cinquantesimo anniversario della Resistenza.
“The Grey Havens’ Lullaby” è stato inserito nel cd allegato alla rivista KELTIKA e
“Gandalf the White” nella compilation CELTIC EMOTIONS VOL. 2 della EDEL.
“The Old Forest” è all’interno della compilation 10-CORSO COMO della IRMA (2004).
Stàlteri ha inoltre partecipato alle raccolte PIANOFORTE 1 e 2 ( NEW SOUNDS), UNLIMITED AMBIENT (FUTURA), ALTERNATIVE MEDITATIONS 1 e 2 ( RE NUDO), OLIS,  GYPSIES,  SPECIAL WORLD COMPILATION, EXPERIENCE (2003 e 2004, ) e WORLD MUSIC.
La sua musica si trova anche nel cd allegato al libro L’ASCOLTO TERAPEUTICO  e nel cd-rom LE BANDITE di SCARLINO.

Con Arlo Bigazzi ha  prodotto il cd “Some Secrets” di Clare Ann Matz.
Ha inoltre collaborato con David Sylvian,  Sonja Kristina, Grazia di Michele, Rino Gaetano e molti altri.
Molti dei suoi  lavori sono stati ripubblicati in Giappone e in  Corea.
E’ stato spesso in giuria in concorsi nazionali ed internazionali.





facebook arturo stalteri

facebook  arturo stalteri fanpage

In occasione della sua esecuzione del Falstaff verdiano presso il Teatro “G. Verdi” di Busseto (gennaio 2006), Lorenzo Arruga ha scritto:
La musica, accarezzata, sospinta, rivelata da un artista giovane, il direttore Alessandro d’Agostini, nella sua libertà meravigliosa.
Questa esecuzione, che aveva per protagonista Alberto Mastromarino e che nel Teatro di Busseto seguiva immediatamente l’edizione del 2001 diretta da Riccardo Muti, ha rappresentato un grande successo personale per Alessandro d’Agostini, successo accolto assai calorosamente dalla critica musicale.


Alessandro d’Agostini inizia lo studio della musica all’età di cinque anni, si diploma in pianoforte, in direzione d’orchestra e in musica elettronica, e si perfeziona in seguito con Giorgio Nottoli (composizione per musica elettronica) presso l’Accademia Chigiana di Siena, e con Kostantin Bogino, Trio Cajkovskij (pianoforte e musica da camera). Per la direzione d’orchestra è stato allievo di Piero Bellugi e Massimo de Bernart, del quale è stato l’ultimo assistente.
Nel 2002 esordisce con il Guglielmo Tell di Rossini, in una produzione «As.Li.Co», nei Teatri del Circuito Lombardo e al Teatro Comunale di Bologna. Sempre per l’«As.Li.Co» dirige successivamente l’Orfeo ed Euridice di C.W. Gluck e L’Elisir d’Amore di Donizetti.
Del 2003 è il debutto alla testa dell’Orchestra Sinfonica della Fondazione “A.Toscanini”, nell’ambito del SassuoloMusicaFestival, con la ripresa moderna della commedia per musica Lo matremmonio annascuso di Leonardo Leo, opera della quale cura personalmente la revisione critica e l’edizione moderna. All’attività direttoriale affianca, infatti, anche quella di ricercatore musicale, collaborando alle riprese moderne di numerose opere del Settecento: si ricordano le edizioni critiche delle opere Ifigenia in Aulide di Luigi Cherubini e de L’Olimpiade di Leonardo Leo.
Nel 2004 esordisce col Rigoletto verdiano al Teatro Fraschini di Pavia con l’Orchestra Filarmonica Veneta “G.F.Malipiero”. Nello stesso anno debutta anche nel Trovatore, in una co-produzione tra MacerataOpera-Sferisterio e il Teatro Lirico di Cagliari, sempre riscuotendo unanimi consensi di pubblico e critica.
Accanto alle produzioni operistiche, Alessandro d’Agostini dirige anche numerosi concerti sinfonici con l’Orchestra Sinfonica dell’Emilia Romagna “A. Toscanini”, l’Orchestra Filarmonica “A. Toscanini”, l’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, “I Pomeriggi Musicali” di Milano, l’Orchestra Filarmonica Veneta “G. Malipiero”, l’Orchestra Filarmonica Italiana di Piacenza, la Makedonska Filharmonija.
Si ricorda il ciclo delle Sinfonie di Beethoven e di Mendelssohn da lui diretto a Firenze (Palazzo Pitti, 2000-2001) e le sue esecuzioni degli oratori di Haydn Die Schöpfung (Firenze, Palazzo Pitti, e Grado, Basilica di S.Eufemia, 1999) e Die sieben letzten Worte unseres Erlösers am Kreuze (Busseto, 2005).  
Oltre al Falstaff verdiano, sempre nel 2006, dirige L’Arlesiana di Francesco Cilèa, per la regia di Vittorio Sgarbi, con l’Orchestra Sinfonica della Fondazione “A.Toscanini”. L’opera, eseguita dapprima nell’ambito del SassuoloMusicaFestival e a Bologna (Teatro delle Celebrazioni), ha inaugurato successivamente la Stagione 2006 del Teatro Sociale di Mantova, ottenendo un nuovo lusinghiero riscontro da parte del pubblico e della critica.
Nel 2007 ha dedicato a Ruggiero Leoncavallo, in occasione dei 150 anni dalla nascita, un importante concerto commemorativo con cui ha inaugurato la I edizione del “Bologna in Musica Festival” con l’Orchestra Filarmonica “A.Toscanini”, e che ha poi replicato al Teatro Comunale di Modena, con pagine poco note o inedite del compositore.
Alessandro d’Agostini può vantare un vasto repertorio, comprendente opere antiche come pure lavori del ‘900 (incluse alcune prime esecuzioni assolute) o brani sinfonici e opere raramente eseguite. Esempi in questo senso sono la Missa Solemnis “pro pace” di Alfredo Casella, ultimo suo capolavoro, che Alessandro d’Agostini ha diretto nel luglio 2005 con l’Orchestra Filarmonica Italiana e il Coro del Teatro Municipale di Piacenza, nel Palazzo Ducale di Sassuolo e presso il Castello di Vigoleno; oppure il poema sinfonico Sardegna di Ennio Porrino, eseguito a Cagliari alla guida dell’Orchestra Sinfonica del Teatro Lirico (giugno 2012).

Nel 2008 debutta al Teatro Comunale di Bologna dirigendo la prima ripresa moderna, su propria revisione, di L’Olimpiade di Leonardo Leo, alla guida del Coro e dell’Orchestra del Teatro bolognese, ottenendo un nuovo grande successo personale. Altrettanto ben accolto è stato il suo debutto, in agosto, alla testa dell’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma nell’appuntamento di chiusura della Stagione Estiva alle Terme di Caracalla, per Giselle di Adolphe Adam, su coreografia di Carla Fracci.
Nel 2009 dirige nuovamente Rigoletto al Festival Como-Città della Musica; successivamente dirige in una fortunatissima tournée nei Teatri del Circuito Lombardo la nuova edizione critica della versione italiana de La Figlia del Reggimento di Gaetano Donizetti, alla testa dell’Orchestra ‘I Pomeriggi Musicali’ di Milano (protagonisti Yolanda Auyanet e Gianluca Terranova, regia di Andrea Cigni), ottenendo consensi unanimi da parte di critica e pubblico.

Nel 2010, con grande successo personale, debutta sul podio dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, nel Barbiere di Siviglia rossiniano.
Successivamente debutta sul podio dell’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari in una produzione di L’Elisir d’amore e in una serie di concerti sinfonici con programmi che spaziano dal Barocco al repertorio classico (ciclo Beethoven) e del 900.
Dal 2011 al 2013 collabora stabilmente col Teatro dell’Opera Nazionale di Macedonia come Direttore Ospite Principale, dirigendovi numerosi titoli del repertorio operistico: tra gli altri, Aida (con Vladimir Galouzine), Tosca, Turandot (con Irina Gordei e Rudy Park), Lucia di Lammermoor, Traviata (protagonista Irina Lungu), Il Barbiere di Siviglia, Don Giovanni e Attila.
Nel 2012 ha collaborato altresì con OperaFestival (Circuito toscano) per l’allestimento del Barbiere di Siviglia per la regia di B.de Tomasi.

Tra i più recenti impegni ricordiamo il suo debutto al “Festival de Opera” di Tenerife con Die Zauberflöte di Mozart alla guida della Orquesta Sinfònica del Teatro e gli importanti debutti alla guida della Saint Petersburg Academic Symphony Orchestra (nella Sala Grande della Philharmonia di San Pietroburgo), e, a Mosca, della State Symphony Orchestra “Novaya Rossiya” (direttore artistico: Yury Bashmet) e della Russian National Orchestra.
Nel 2016 ha diretto al Teatro dell'Opera di Firenze "Fra' Diavolo" di Auber, ancora "Il Barbiere di Siviglia"  e "L'Elisir d'Amore" di Donizetti, e al Teatro Regio di parma lA FARSA ROSSINIANA "l'occasione fa il ladro"

A Dicembre dirigerà in prima esecuzione assoluta "Notte per me luminosa", opera di Marco Betta su versi di Ariosto, al Teatro Comunale "Pavarotti" di Modena e al Teatro "Chiabrera" di Savona; e "Camen" di Bizet presso l'International House of Music i Mosca.














Paolo Andriotti
Già Primo Violoncello dell’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele di Messina dal 2008 al 2011, dal 2011 al 2015 è stato docente di violoncello ai corsi preaccademici del Conservatorio Santa Cecilia di Roma. Ora, da libero professionista, collabora con svariate istituzioni in qualità di solista, camerista e primo violoncello, oltre a curare e sviluppare la classe di Violoncello presso l’Accademia Musicale Sherazade di Roma nella quale annovera diversi talenti riconosciuti a livello nazionale.
Diplomato nel 1999 col massimo dei voti al Conservatorio di Verona col M° A. Zanin, allievo in seguito di Enrico Bronzi e Mario Brunello, è stato vincitore di numerose borse di studio tra le quali il premio S.I.A.E di Roma, oltre che premiato in diversi concorsi nazionali e internazionali.
Ha suonato da solista con l’orchestra giovanile di Bochum, con l’orchestra della Fondazione Arena di Verona, con la Cappella Musicale “Enrico Stuart Duca di York” e altre orchestre da camera.
Apprezzato nei concerti per violoncello solo (Positano Mith Festival 2011, Fiera delle Parole di Padova 2011, 2012, 2013, 2014 dove ha avuto occasione di eseguire tra l’altro l’integrale delle suite di Bach, Festival Sublacense 2012, 2013, Camera Musicale Romana 2012, Concerto al Biblioigloo di Andalo (TN) 2015), come camerista ha collaborato con svariate formazioni nel più importante repertorio cameristico. In duo violoncello e pianoforte, con il pianista Monaldo Braconi con il quale collabora stabilmente, ha eseguito l’integrale delle sonate di Beethoven e Brahms, oltre che repertori di musica francese e russa, per diverse istituzioni concertistiche, riscuotendo calorosi consensi. Dalla fine del 2014 è il violoncellista del Warhol Piano Quartet, ensemble con il quale ha in calendario alcuni concerti. Col violinista Stefano Minore ha recentemente fondato il Rolla String Trio.. Tra le collaborazioni cameristiche si annoverano inoltre i nomi di Carlo Maria Parazzoli, Marco Rogliano, Chiara morandi, Miriam Dal Don, Francesco Peverini, Simone Briatore, Nora Romanoff-Schwarzberg, Giulio Rovighi, Carlo Boccadoro e Dora Shwarzberg. Con Mario Brunello e 24 violoncellisti ha partecipato all’edizione 2010 del festival suoni delle Dolomiti.
Particolare attenzione è stata riservata da Andriotti alla musica contemporanea: è' stato invitato a far parte di alcuni importanti gruppi da camera di musica contemporanea, quali "Algoritmo Ensemble" diretto da Marco Angius, Prometeo Ensemble di Parma, il R-evolution Art Ensemble, Freon Ensemble. Alcune registrazioni di suoi concerti in formazione cameristica sono state trasmesse per Radio3, Radio Kartner, Skyclassica. Nel novembre 2011 ha partecipato alla registrazione del “Pierrot Lunaire” di Arnold Schonberg diretto da Marco Angius, distribuito dall'etichetta Stradivarius che ha riscosso notevoli apprezzamenti dalla critica internazionale inclusa una critica di “The Guardian”. Per l’etichetta Bongiovanni sono stati recentemente pubblicati 2 cd con musiche di David Fontanesi eseguite con l’ensemble Sherazade, uno dei quali comprendente la sonata per violoncello e pianoforte e la Suite Blu per flauto e violoncello in prima registrazione assoluta. Ha eseguito in prima assoluta musiche con violoncello solista del compositore Aldo Clementi, e in prima italiana di Nicola Sani. Andriotti, oltre che al classico repertorio per violoncello solo che include i lavori Hindemith, Ligeti e Dallapiccola, ha familiarità con molti lavori di compositori contemporanei laziali quali Paolo Rotili, Marcello Panni, Louis Bacalov e altri, tutti autori che hanno espresso apprezzamenti per le sue esecuzioni.
In orchestra, oltre che nella pluriennale esperienza a Messina, ha collaborato da prima parte con l'Internazionale d'Italia, la Respighi di Latina con la quale collabora regolarmente dal 2014, la Regionale del Lazio, la Pro Arte di Roma, i Filarmonici di Roma, l'orchestra Lunid, la Tullio Serafin, la Mozart Sinfonietta, la Cappella Ludovicea, l’Orchestra della classe di direzione del Conservatorio Santa Cecilia di Roma. Con altri ruoli, con l'Orchestra del teatro Carlo Felice di Genova e dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, incontrando nel suo percorso artistico direttori e solisti quali J. Mena, K. Masur, A. Pappano, G. Rozdestvenskij, W. Marshall, M. Angius, U. Ughi, L. Kavakos, B.Lupo, J. Fisher, C. Gasdia, J. Carreras e R. Bruson per citarne alcuni.  Nel corso della stagione 2016 ha collaborato regolarmente come violoncellista dei “Solisti Aquilani”, gruppo con il quale ha effettuato numerosi concerti in Italia e all’estero in sale importanti e per istituzioni prestigiose (Strasburgo Cité de la Musique, Parigi Chiesa di St. Merry, Milano Auditorium Cariplo, L’Aquila Auditorium Renzo Piano, Roma Cappella Paolina concerti al Quirinale diretta Radio3) anche in formazione cameristica (Tchaycowsky Souvenir de Florence a Pordenone) e suonando con musicisti di fama internazionale (Giovanni Sollima, Alessandro Carbonare, Lasse Thoresen).
Nel campo delle arti ha all'attivo spettacoli di interculturalità collaborando direttamente in spettacoli pensati ad hoc con violoncello solista con artisti del calibro di Giuseppe Picone per la danza, Michele Serra per la letteratura e Rosana Pastor (protagonista di Terra e Libertà di Ken Loach) per il teatro.
Nel suo percorso artistico Andriotti si è esibito in Europa, Stati Uniti e Medio Oriente.
Andriotti tiene inoltre un corso annuale presso l’Accademia Musicale Sherazade di Roma, annoverando tra i molti allievi interessanti talenti premiati a livello nazionale.
Suona un Violoncello attribuito ad Eugenio Galeazzi di Ascoli Piceno, all’incirca del 1850.




Monaldo Braconi
Nato a Roma dove ha studiato presso il Conservatorio di Musica Santa Cecilia, si diploma con il massimo dei voti e la lode. Si è poi perfezionato con Massimiliano Damerini, Oleg Malov (presso il Conservatorio Rimskij-Korsakov di S.Pietroburgo), Riccardo Brengola (all’Accademia Chigiana di Siena), Sergio Perticaroli e Felix Ayo (all’Accademia Nazionale di S. Cecilia di Roma), ricevendo ovunque importanti riconoscimenti.

Collabora con importanti ensemble tra cui i “Percussionisti dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia”, il “PianoFortissimoPercussionEnsemble”, “i Cameristi del Conservatorio di Santa Cecilia”, i “Solisti della Scala” ed il “Quartetto della Scala”.

E’ stato invitato a partecipare al 1° e 2° Festival della Musica Contemporanea Italiana di Pechino, dove ha ottenuto grande successo.

In veste di solista è stato recentemente protagonista, tra gli altri, del “Grande Concerto commemorativo per la strage della stazione”, del concerto nell’ambito del Festival “Europalia” a Bruxelles e a Roma, dove ha eseguito il Concerto per la mano sinistra di M. Ravel con l’Orchestra Sinfonica Nazionale Ucraina di Kiev, trasmesso da Rai Uno e RadioTre.

Collabora molto spesso con importanti orchestre di tutta Europa, tra cui la Filarmonica di Leningrado, l’Orchestra Accademia di Stato di San Pietroburgo, la Filarmonica di Rostov on Don e molte altre.

Di recente ha registrato un CD dedicato a musiche russo-sovietiche.

Nel 1998 è stato invitato a collaborare con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

Tra le numerose registrazioni citiamo le più recenti che hanno incluso: un CD per Decca con il clarinettista Alessandro Carbonare e uno per “Amadeus” con il fratello Simonide Braconi, prima viola dell’Orchestra del Teatro “Alla Scala” di Milano, dedicato alle composizioni di Johannes Brahms per viola e pianoforte.

E’ docente di pianoforte presso l’Istituto Musicale Pareggiato “G. Paisiello” di Taranto





L' "Andriotti Cello Ensemble" è costituito da giovani studenti di talento che si preparano con Paolo Andriotti. Occasionalmente può subire integrazioni con ex studenti o stimati colleghi.
All'interno dell'Ensemble, che ha come tratto costituzionale la cura dei valori che animano la vita professionale di un musicista, quali il rispetto reciproco, la professionalità, e l'amore per la musica, sono presenti alcuni giovani talenti che hanno già vinto numerosi concorsi, anche internazionali, suonato in compagini giovanili di prestigio quali la Juniorchestra e il laboratorio di formazione orchestrale di Vicenza diretto da Leon Spierer (ex spalla dei Berliner Philarmoniker) anche da prime parti, suonato da solisti con la Juniorchestra alla Camera dei deputati in diretta su Rai1, suonato da solisti accompagnati dai 100cellos di Giovanni Sollima, e collaborato in orchestra con artisti quali Sollima, Bollani, Accardo e molti altri.

ELVIRA MARIA IANNUZZI e ALESSANDRO D’AGOSTINI
DUO SOPRANO E PIANOFORTE

Il duo costituito dal soprano Elvira Maria Iannuzzi e dal pianista Alessandro d’Agostini,  può vantare un ricco ed interessante curriculum cameristico, caratterizzato da una costante ricerca musicale che ha portato i due artisti ad esplorare repertori spesso ingiustamente trascurati e obliati, composti in programmi a tema.
In tale direzione, essi hanno saputo mettere a frutto le rispettive esperienze musicali: Elvira Maria Iannuzzi, allieva di Leila Bersiani, Mirella Parutto, Franca Como e Paola Reali, dopo i debutti operistici (Traviata, Rigoletto, Carmen, Pagliacci, tra gli altri), si è dedicata con passione alla musica da camera, esibendosi regolarmente anche con altre formazioni strumentali (come “Das Wiegentrio”, insieme col clarinettista Massimiliano Ghiribelli ed il pianista Tullio Forlenza, e il Trio costituito nel 2015 con la violoncellista Kyung – Me Lee e il pianista Michelangelo Carbonara); ha approfondito inoltre lo studio del canto a Barcellona con artisti spagnoli quali Carmen Bustamante, Carlos Chauson e, soprattutto, col mezzosoprano catalano Francesca Roig Clot, che l’ha avvicinata in particolare al repertorio musicale della sua regione.
Alessandro d’Agostini, invece, attivo nei principali Teatri d’opera italiani ed esteri come direttore d’orchestra, affianca a quest’attività quella di pianista camerista: dopo gli studi, sotto la guida di Konstantin Bogino (pianista del celebre Trio “Chajkovskij”), si è dedicato in particolare all’accompagnamento vocale da camera, sia al pianoforte sia all’organo o al clavicembalo; musicista sempre attento alla ricerca, ha affrontato così repertori diversissimi, dalla musica antica fino a quella contemporanea (con numerose prime esecuzioni assolute).
Tra i concerti che hanno visto i due artisti esibirsi assieme ricordiamo il progetto semidrammatico “Tenebre e luce. Il salotto di Tosti”, per soprano, attore e pianoforte (2009-2011 - 2016), che ha riscosso unanimi consensi; i concerti dedicati al centenario della nascita di Franz Liszt (2011, con l’esecuzione dei 3 “Sonetti del Petrarca”), e di Giuseppe Verdi e Richard Wagner (2013, con l’esecuzione dei “Wesendonck-Lieder”), il  concerto, interamente dedicato alla musica catalana dell’Otto-Novecento, con pagine in prima esecuzione assoluta in Italia del compositore e direttore d'orchestra catalano Miquel Ortega Pujol (2014, con l'esecuzione dei due cicli del “Combat del Somni” dei compositori        F.    Mompou e M. Ortega) per ultimo, nel 2016, il progetto “Visioni d'Amaranta” interamente dedicato al sodalizio Tosti – D'Annunzio

Elvira Maria Iannuzzi, soprano
Ha iniziato lo studio del canto lirico nel 1989 sotto la guida di Leila Bersiani, successivamente ha continuato il proprio studio con Mirella Parutto, Franca Como e Paola Reali ha inoltre frequentato corsi di perfezionamento in canto lirico in Spagna con Carlos Chauson e Carmen Bustamate completando il suo affinamento tecnico con il mezzosoprano catalano Francesca Roig.
Questa esperienza le ha consentito di inserire nel suo repertorio numerosi brani di autori catalani non molto ascoltati in Italia come F. Mompou, F. Obradors, E. Toldrà, X. Montsalvatge e, non ultimo, il contemporaneo M. Ortega.
Nel 1990 ha iniziato a cantare come solista e nel corso della sua carriera ha ricoperto vari ruoli sia da comprimaria sia da protagonista in “Traviata”, “Rigoletto”, “Bohéme”, “Pagliacci”, “Carmen”, “Don Giovanni”, “Così fan tutte”, “Sapho” e “Rusalka”;
durante la sua attività musicale non ha tralasciato di affrontare partiture del repertorio sacro esibendosi nello “Stabat Mater” di G. B. Pergolesi, nella “Petite Messe Solennelle” di G. Rossini e nella “Vierge” di J. Massenet
Da diversi anni si dedica con passione al repertorio liederistico e da camera, collabora infatti condiverse formazioni strumentali proponendo in concerto brani di F. Schubert, R. Shumann, J.Brahms, F. Liszt, H. Wolf, J Massenet, R. Strauss, G. Verdi, R. Wagner, F. P. Tosti, J. B. Kalliwoda, L. Spohr, O. Respighi, G. F. Malipiero, M. Ortega, ed altri.
In Particolare dal 2009, in duo con il M° Alessandro d'Agostini e dal 2011 in trio con i M. Alessandro Ghiribelli al clarinetto e Tullio Forlenza al pianoforte, sviluppa un ricco ed interessante curriculum cameristico, caratterizzato da una costante ricerca musicale che l'ha portata ad esplorare repertori spesso ingiustamente trascurati e obliati, composti in programmi a tema.
Tra i concerti che l' hanno vista protagonista ricordiamo il progetto semidrammatico “Tenebre e luce, il salotto di Tosti”, per soprano, attore e pianoforte (2009-2011), i concerti dedicati al centenario della nascita di Franz Liszt (2011, con l’esecuzione dei 3 “Sonetti del Petrarca”), di Giuseppe Verdi e Richard Wagner (2013, con l’esecuzione dei “Wesendonck Lieder”), il progetto Wiegentrio dedicato al repertorio per voce, clarinetto e pianoforte dall'800 al 900, nel 2014 il concerto “Pagine Catalane”, interamente dedicato alla musica catalana dell’Otto-Novecento, con pagine in prima esecuzione assoluta in Italia, più recente, ma con ottimi riscontri, sempre in duo con il M. Alessandro D'Agostini, il concerto “Visioni d'Amaranta” dedicato alla collaorazione Tosti – D'Annuzio, buona parte della quale spesso ingiustamente dimenticata
Michele D'Ambrosio, pianoforte

È stato allievo di Viviana Buzzai presso il Conservatorio “S.Cecilia” di Roma, dove si è diplomato con il massimo dei voti e la lode. Si è poi perfezionato con Hans Leygraf, Aldo Ciccolini, Aquiles Delle Vigne, Kazimierz Morski e con la stessa Viviana Buzzai presso l’Accademia Ducale di Genova.
E’ stato vincitore di vari concorsi pianistici internazionali (“A.Cortot”, Milano; Capri; Marsala).

Ha svolto attività concertistica in Italia (Roma, Auditorium Parco della Musica, Sala Petrassi; Sala Accademica del Conservatorio “S. Cecilia”; Brescia, Teatro Grande; Bergamo, Teatro Rubini; Belluno, Auditorium Comunale; Genova, Palazzo Ducale, Sala “Quadrivium”; Chiavari, Teatro Cantero; Macerata, Teatro “Lauro Rossi”; Taranto, Teatro Orfeo, ecc. ) ed all’estero (New York, Hunter College; Hammerwood Park, Ardingly College, Emerson College, Sussex, Inghilterra; Dresda, Dreikonigskirche; Wolfenbuttel, Prinzenpalais; Leiden, Volksuniversitet; Dubrovnik, Sala degli Specchi) sia come solista che in varie formazioni cameristiche e con orchestre quali Filarmonica Marchigiana, Orchestra “Johann Christian Bach”, Orchestra della Magnagrecia.
Si è esibito per Radiouno, Radiotre e per Radio Vaticana.

Nel 2001, in occasione del centenario della nascita di Joaquìn Rodrigo, ha inciso, per l’etichetta “Tempi moderni”, un compact disc contenente brani pianistici del compositore spagnolo. Nel 2005 è seguìto un altro cd monografico, “Tempi DiVersi”, questa volta dedicato al compositore italiano Davide Farace.
Nel mese di luglio 2014 è stata pubblicata l'integrale delle musiche per pianoforte solo di Alfredo Casella, in tre cd Brilliant classics, accolto con recensioni estremamente positive. E’, infine, appena uscito un doppio cd Brilliant questa volta dedicato all’opera pianistica di Ottorino Respighi.

Vincitore del concorso per titoli ed esami, dal 1995 è titolare di cattedra di Pianoforte principale, incarico che ricopre da venti anni presso il Conservatorio “Gesualdo da Venosa” di Potenza.

Ensemble “ La Ntrecciata”

Giuliano Bonelli, bassus/ percussioni a cornice
Francesco Tomasi, liuto/tiorba/chitarra barocca
Anna Maria Gentile, viola da gamba
Chiara Tiboni, cembalo BC

L'ensemble La Ntrecciata Mosicale  nasce dalla collaborazione di  musicisti che, attraverso una serie di studi tematici sviluppano nuovi programmi musicali, lavorando così ad un progetto continuativo
Si sono esibiti in diversi concerti nella capitale ed hanno inciso per Radio Vaticana il concerto “Saccio una cosa” per l’utilizzo nel programma radiofonico  internazionale “Il Diapason”a cura di Stefano Corato.
Hanno partecipato  presso la Sala della Regina alla Camera dei Deputati per  il Quattocentocinquantesimo anno della nascita del celebre autore napoletano GiovanBattista Basile.
Prossimo appuntamernto  sarà per il Frescobaldi International Festival che li vedrà  come special guests impegnati in una serie di concerti in attesa del festival.


ANTONELLO DORIGO Controtenore
Dopo il conseguimento della laurea in chimica e tecnologia farmaceutiche intraprende gli studi musicali nel conservatorio “L. Refice” di Frosinone studiando pianoforte e clavicembalo .
Dopo poco tempo si specializza nella prassi esecutiva Barocca e Belcantistica  come controtenore laureandosi in canto rinascimentale e barocco nello stesso conservatorio studiando con  Gemma Bertagnolli e poi con Furio Zanasi.
Inizia il suo percorso vocale come tenore solista, nel ruolo di Don Basilio in “Nozze di Figaro”, e come primo armigero nel “Flauto Magico” di W. A. Mozart al Rome Opera Festival.
Si forma vocalmente inoltre con V. Di Betta e poi con S. Bungaard nel conservatorio di Roma “S. Cecilia”, e partecipa alle  masterclass di canto barocco con E. Kirkby, R. M. Meister, L. Bertotti, C. Ansermet, F. Lazzara.
Dal 2004 ad oggi ha collaborato e collabora  con varie istituzioni musicali romane quali l’ensemble “Festina Lente”, la cappella Ludovicea della basilica di Trinità dei Monti, la Cappella Giulia della basilica di S. Pietro, l’ ensemble “Cantar gli affetti”, l’ensemble polistrumentale barocca Musicanti’ka, specializzato nel repertorio di musiche popolari del ‘500 Napoletano, il coro lirico “G. Verdi”, il coro “R. Giovannelli”, il coro “ARAMUS” della basilica di S. Maria degli Angeli, la schola cantorum della basilica dei SS XII Apostoli, l’ensemble “Athenaeum” dell’università Tor Vergata di Roma col quale porta avanti un progetto di riscoperta di madrigali del seicento Italiano scritti su testi di M. M. Boiardo registrando anche per la trasmissione “Diapason” di “Radio Vaticana”, e col quale ha interpretato il ruolo di Corrado in una conferenza-concerto sulla “Griselda” di Vivaldi nell’auditorium dell’università.
E’ cantore e solista della cappella musicale S. Maria in Campitelli e dell’ensemble “La Cantoria” in Roma, con la  quale collabora stabilmente ed ha inciso per la casa discografica  Tactus di Bologna la “ Messa de Morti a 5 concertata” di fra Bonaventura Rubino (1653) in prima esecuzione  mondiale .
Collabora con l’ensemble portoghese “Concerto Iberico” col quale si è esibito a Lisbona e Castelo Branco in concerti sul barocco Italiano.
Si è esibito inoltre per il "Festival Pergolesi-Spontini" di Jesi in un recital sul repertorio Operistico tardo barocco con l'orchestra dei "Virtuosi Italiani" e ancora per il luglio musicale Trapanese e per il teatro Massimo Bellini di Catania, nel ruolo del titolo nell’opera ”Orlando” di G.F. Hӓndel e nei Carmina Burana di C. Orff.
Maurizio Scavone
Cantante lirico (Tenore) del coro del Teatro dell’Opera Di Roma
Ha studiato canto al conservatorio di Salerno con la maestra Giuliana Valente perfezionandosi dopo in canto lirico con il Tenore Maestro Luigi Giordano Orsini  del (Teatro San Carlo) e successivamente con la maestra Paola Leolini oltre che con Il famoso contralto  Bernardette Manca di Nissa.
Ha studiato Canto Rinascimentale e barocco in Masterclass dedicati all’ esecuzione del repertorio madrigalistico con la Maestra Lavinia Bertotti,.
Repertorio barocco  e monodia del 600 con il famoso controtenore Vincente Aguettant.
Ha inoltre studiato chitarra barocca e tiorba con il maestro Andrea Damiani ed attualmente si perfeziona in Chitarra Attiorbata e Barocca con il maestro Evangelina Mascardi.
Fa parte di alcuni ensmeble importanti della scena capitolina Come i “Musicanti’Ka” della Maestra Angela Picco, “Ars Consonandi” del Maestro Antonio Pergolizzi,  e dell’Ensemble “La Scaramanza” .
Collabora con “Armonia Delle Sfere” della Maestra  Silvia Rambaldi con cui ha inciso alcuni dischi monografici su Frescobaldi per la Tactus
Membro attivo del Miriacorde Consort del maestro Rosario Cicero e dell’Ensemble Atenaeum dell’Università di Roma con la maestra Maria Lettiero
Attualmente forma il gruppo “ LA Ntrecciata Mosicale “con La Maestra Chiara Tiboni perfezionando un progetto sulle Villanelle Napoletane di cui andati già in onda in diverse trasmissioni per Radio Vaticana.
Specializzato in Repertorio Rinascimentale Di corte come Villanelle e Frottole e Canti Carnacialeschi sovente chiamato in concerti monografici su questo repertorio e soprattutto per quello che concerne la lingua Napoletana comprensivo anche delle cantate del settecento Napoletano di cui ha eseguito numerosi concerti.
Giuliano Bonelli
Compositore di musica cristiana moderna
Ha studiato canto e improvvisazione jazz con la Maestra Marilena Paradisi svolgendo concerti itineranti sui temi Jazz e Blues. Si è perfezionato nel canto Jazz e moderno con Fulvio Tomaino.
Ha studiato percussioni antiche, etniche e tamburi a cornice con il Maestro Massimo Carrano.
Ha suonato chitarra e cantato in vari gruppi di musica moderna della scena Capitolina. Ha cantato con il Maestro e chitarrista jazz Franco Antonucci in vari progetti musicali.

Di voce bass/baritone, ha fatto parte di diversi progetti musicali con vari ensemble di musica antica come La Scaramanza, La ‘Ntrecciata, i Musicantika e Athenaeum Ensemble. Con queste formazioni ha svolto numerosi concerti in Italia.
Ha collaborato in vari progetti pedagogico-musicali con il chitarrista barocco Rosario Cicero.
Ha fatto parte della Coro polifonico della Cappella Giulia in Vaticano.
Collabora con la Cantoria di Santa Maria al Portico (in Campitelli) e con il Coro Meridies.
Ha partecipato a vari Masterclass con il Maestro Vincent Aguettant attraverso la Associazione internazionale Resonnance che si propone di portare la bellezza della musica alle persone che per loro situazione di malattia o altro non possono usufruirne.
È iscritto al Conservatorio Licino Refice di Frosinone, in canto rinascimentale e barocco studiando sotto la direzione del Maestro Furio Zanasi e studia tecnica di canto con la Maestra Paola Leolini.
Con il Conservatorio ha partecipato a vari eventi: in Portogallo con Incoronazione di Poppea di Monteverdi; e con l’Orchestra Nazionale Barocca, In San Giovanni in Laterano,  ha recentemente cantato sotto la direzione del M° Alessandro Quarta.

Francesco Tomasi
manifesta precocemente le sue inclinazioni musicali avvicinandosi allo studio della chitarra classica. Appassionatosi del repertorio antico, all’età di 13 anni decide di dedicarsi al liuto studiando con Marco Pesci e Andrea Damiani terminando brillantemente i suoi studi al Conservatorio di musica “S. Cecilia” in Roma nel 2009 ottenendo il massimo dei voti.
Nel 2012 termina il Master di liuto specializzandosi in chitarra barocca e tiorba con Rolf Lislevand nella Musik Hochschule di Trossingen.
Inoltre ha frequentato numerose masterclass internazionali tenute da Paul O’Dette, Jakob Lindberg e Nigel North.
       Ha al suo attivo un’intensa carriera concertistica, grazie alle varie collaborazioni con ensembles di musica antica tra i quali “Concerto Romano”diretto dal M° Alessandro Quarta, “Arte musica” diretto da Francesco Cera, “Swiss Baroque Soloists”, “Pera ensemble”, “Cappella Gabetta”, “La Malaspina”, “La Selva”, “Cappella Tiberina”, “Ricercare antico”, “Anfione ensemble” diretto da Andrea Damiani, con le quali si è esibito nell’ambito dei più prestigiosi festival e rassegne concertistiche in Italia e all’estero, tra cui, Tager Alte Musik in Herne (Germania), Wiener Konzerthaus (Austria), Internationale Barocktage Stift Melk (Austria), Malgartner Kloster Konzerte (Germania), Festival internazionale W.A. Mozart a Rovereto, Rheingau Musik Festival (Germania), “Festival Flatus” Siòn (Svizzera), Festival Internazionale di Musica Antica di Urbino, Antiqua Festival (Spagna), Roma Festival Barocco, riscuotendo grande successo e consensi dalla critica.
Nel 2009 partecipa alla manifestazione “Ponti Sonori” organizzata dall'Accademia Nazionale Santa Cecilia.
Nel 2010 vince l'audizione ed entra a far parte dell'orchestra barocca dell'unione europea (EUBO), con la quale ha svolto concerti nei vari paesi europei tra cui Lussemburgo, Francia, Portogallo, Germania, Polonia, Belgio e con la quale collabora tutt'ora.
Nel 2010 vince con il suo ensemble “la Malaspina” il premio della giuria al concorso di musica antica “Biagio Marini” in Neuburg an der Donau (Germania).
Già giovanissimo ha avuto la fortuna e l'onore, di poter suonare in molte delle sale da concerto più famose d'Europa tra cui, Konzerthaus a Vienna, Casa da Musica Porto, Herkuleszaal di Monaco (Germania), Auditorium Santa Cecilia di Roma, Teatro dell'opera di Kharkov Ucraina, Philarmonie di Kiev, Philarmonic Concert Hall di Lodz (Polonia).
Nel 2009 collabora con l'ensemble “La Selva” alla registrazione di un cd intitolato “Alla luna” con musiche di Biagio Marini. Con il gruppo “Cappella Tiberina” registra per la casa discografica “Brilliant Classics” i XII Concerti per flauto dolce di Mancini, con il gruppo “Concerto Romano” il cd Luther in Rom per la casa discografica Christophorus.  Effettua inoltre registrazioni radiofoniche per la Radio Vaticana, WDR radio tedesca, ORF radio austriaca ed effettuato registrazioni televisive per la rete RAI International.  
Il suo costante impegno nello studio della prassi esecutiva antica, lo vede attualmente attivo come continuista, nell’accompagnamento di cantanti e strumentisti di fama, ed emergenti, nonché come esecutore solista, al liuto, tiorba e chitarra spagnola.

Anna Maria Gentile
inizia gli studi di contrabbasso con Massimo Giorgi per diplomarsi nel 2000. Contemporaneamente
inizia lo studio della viola da gamba presso il conservatorio di Latina sotto la guida di Paolo Pandolfo .
Segue corsi di perfezionamento con i maestri: Guido Balestracci, Vittorio Ghielmi , Andrea De Carlo , Paolo Pandolfo

Si esibisce come violista da gamba in diverse manifestazioni sia in Italia che all’estero: Urbino Musica Antica ; Early Music
at I TATTI ,Firenze; Ambasciata del Portogallo presso la Santa sede , Portugal 2007; Centre Culturel Saint Louis de France; Europe day Festival ,Birkenhead ; Festival internazionale di Stoccarda -; “Suona Italiano” Versailles ; Festival di Musica e Danza, Cipro; “Religion in the Mirror of Arts”, Iran.
Partecipa a diversi spettacoli teatrali come viola da gamba solista.
Si diploma in Viola da Gamba presso il Conservatorio “A.Casella” dell’Aquila .
Chiara Tiboni,
clavicembalista, è titolare della Cattedra di Clavicembalo e coordinatore del dipartimento di musica antica presso il Conservatorio Statale di Musica di Frosinone.
Vive a Roma ed è il Presidente e Direttore artistico dell’ Associazione Musicale L’Architasto, il cui intento, in particolare, è rivalutare gli antichi strumenti da tasto (clavicembalo, clavicordo, organo, fortepiano). Dal 2008 organizza il “Festival Internazionale de L’Architasto: il clavicembalo” cercando di rinnovare lo splendore che la tastiera aveva raggiunto a Roma nel diciassettesimo e diciottesimo secolo.
Dal 2012 è Direttore artistico del Festival Frescobaldi che si svolge annualmente presso la Basilica dei SS. XII Apostoli in Roma.
Diplomata in pianoforte e clavicembalo ha approfondito in modo particolare la conoscenza della teoria e della prassi esecutiva della musica antica sotto la guida del M° Kenneth Gilbert, con il quale ha studiato all’Accademia Chigiana di Siena e sempre sotto la sua guida presso la Hochschule für Musik “Mozarteum” di Salisburgo, conseguendo il diploma di virtuosismo nel 1990.
Si è in seguito specializzata in basso continuo conseguendo un master in Maestro al Cembalo presso il Conservatorio S. Cecilia di Roma. Ha intrapreso una intensa attività concertistica che l’ha vista impegnata, con successo, in Europa, Canada, Usa. Ha suonato per importanti enti lirico-sinfonici e ha eseguito numerosi concerti da solista e in formazioni cameristiche a Praga, Newcastle upon Tyne, Oxford, Edimburgo, Dublino, Varsavia, Toronto, Washington, Budapest, Lisbona, Santander, invitata dall’Istituto Italiano di Cultura del Ministero degli Esteri e dall’Università di Musica di Oxford e Newcastle upon Tyne.
Collabora come concertista solista in trasmissioni radiotelevisive ed effettua registrazioni ed incisioni per la RAI,  per la quale incide nel 1991 musiche inedite per clavicembalo di Giovanni Maria Trabaci (1575-1647).  
Giovanna  Barbati
Violista da gamba e violoncellista, è interprete del repertorio musicale antico così come di quello contemporaneo. Si esibisce spesso come solista e ha interpretato numerose prime esecuzioni di composizioni per violoncello, di cui molte scritte per lei.
Collabora da molti anni come primo violoncello e violista da gamba con l'Orchestra barocca e classica "Academia Montis Regalis", diretta da Alessandro De Marchi.

Come violista da gamba, tra le varie produzioni, ha eseguito recentemente al continuo “L’Orfeo” di Monteverdi allo Stadttheater di Berna con “Camerata Bern”,  la “Juditha Thriumphans” al Teatro La Fenice di Venezia, “La Stellidaura vendicante” di Provenzale al Tyrolerlandestheater di Innsbruck, Theater an der Wien e Hans Otto Theater a Potsdam con l’Academia Montis Regalis.
Come primo violoncello ha collaborato anche con il “Teatro Regio” di Torino, la “Accademia Bizantina” diretta da Ottavio Dantone, “Les Talens Lyriques” diretti da Christophe Rousset, “Il Complesso Barocco” diretto da Alan Curtis, la “Real Companìa Òpera de Càmara” diretta da Juan Bautista Otero, “L’Arte del mondo” diretta da Werner Ehrhardt, “Il Concerto de’ Cavalieri” diretto da Marcello Di Lisa.

Laureata in viola da gamba con Andrea De Carlo presso il Conservatorio de L’Aquila con 110 e lode, si è perfezionata con Paolo Pandolfo e Christophe Coin. Allieva al violoncello di Siegfried Palm,  ha studiato composizione e ha frequentato presso la Schola Cantorum Basiliensis i corsi di Jesper Christensen e Christophe Coin.

Ha partecipato a numerosi concerti per importanti rassegne in Europa e America.
Ha ottenuto personale consenso di critica per incisioni con il “Concerto De’ Cavalieri” per Sony e per incisioni con “Academia Montis Regalis” per Opus 111. Ha registrato inoltre decine di CD per Arion, Il Capriccio, Chandos, Virgin, Harmonia Mundi, Symphonia, Naïve, K617, CPO, Deutsche Grammophon, Sony.
Ha effettuato diverse registrazioni per radio in Europa e America. Suona un violoncello Ambroise De Comble del 1751 e una viola da gamba Pierre Bohr del 2012.
E’ insegnante di viola da gamba e violoncello barocco presso il Conservatorio “L. Refice” di Frosinone.

“Giovanna Barbati ci commuove e ci colpisce per la sua esecuzione quasi mistica e potentemente drammatica” (Concerto Abbatiale d'Ambronay 14.09.14, Orch. Academia Montis Regalis, dir. A. De Marchi. Musebaroque 09/14)
“Giovanna Barbati offre dei bei soli.” (CD: W.A. Mozart, Eine kleine Nachtmusik, Concerto de’ Cavalieri, dir. M. Di Lisa, Sony. Fanfare 07/13)














Samuele Telari, fisarmonica
Samuele Telari, vincitore del Premio Abbado 2015 (Sez. Fisarmonica) e vincitore del 1 Premio nella categoria Concertisti nel prestigioso concorso “Città di Castelfidardo” (2013), rompendo un digiuno italiano che durava da 20 anni. Trionfo quest’ultimo che si aggiunge ad altre vittorie, quali: “Premio Zinetti” (Sez. Solisti), “Premio A. Salieri”, “Città Piove di Sacco”, “Premio Civardi (Val Tidone Competition)”, 3° posto “Klingenthal Accordeon Wettbewerb”, “Contemporaneamente Fisarmonica” (Conservatorio Santa Cecilia), “Premio FENAM” e molti altri.
Recentemente ha tenuto numerosi concerti come solista in importanti rassegne italiane e non: Festival “Day of the Ukranian bayan and accordion-2014” (Kiev) su invito del celebre compositore Volodymyr Runchak, “Musica Svelata” Accademia Filarmonica Romana, “Val Tidone Festival”, “É/ Musica Eliseo Classica”, Mantova Musica, Stagione Concertistica “Società Umanitaria”, “Star of Competitions” Kragujevac (Serbia), “Musei in Musica” (Roma), Stagione Concertistica “Filarmonica
Umbra”, XIV Festival Pergolesi Spontini, e con importanti orchestre, quali: Berliner Staatskapelle, “I Virtuosi Italiani”, “The State Hermitage Orchestra” in occasione del “Musical Olympus Festival” svoltesi a San Pietroburgo eseguendo in Prima Mondiale il Concerto per Fisarmonica e Orchestra “Zenith” di Enrico Blatti.
Quest’anno si è esibito come solista e solista con orchestra presso la prestigiosa sala Kammermusiksaal della Berliner Philarmonie e la NY Sal del Royal Danish Academy fo Music a Copenaghen. Nel Novembre 2013 ha tenuto un concerto presso la Royal Academy of Music di Londra insieme ad altri studenti della classe di Fisarmonica del Conservatorio Santa Cecilia; presso tale prestigioso conservatorio ha ottenuto il Biennio di II Livello in Fisarmonica con votazione 110/110 e Lode con Menzione d’Onore, sotto la guida del M° Pitocco. Nel 2013 e 2015 ha tenuto una tournè a Riga (Lettonia) durante un importante festival fisarmonicistico; nel Giugno dello stesso anno ha esordito con l’Imago Sonora ensemble presso la Sala Casella dell’Accademia Filarmonica Romana eseguendo Prime Assolute di Telli, Quagliarini, Fournier, Gentile.
Ha suonato presso importanti sedi italiane quali: Palazzo Montecitorio (Salone della Regina) , Teatro “San Carlo” Modena, Musei Capitolini (Sala dei conservatori), Palazzo Blu di Pisa, Teatro Marcello, Villa Torlonia, Palazzo Gonzaga, Casa Menotti (Spoleto), Sala Accademica (Conservatorio Santa Cecilia), Teatro Eliseo, Museo di Roma in Trastevere, Piazza Campitelli (Sala Baldini), Teatro Tor bella Monaca, Museo MAXXI. Ha effettuato prime esecuzioni per Di Cecca, Morgantini, Munari, Maccaglia e Turi.
Nell’estate del 2011 viene chiamato a prendere parte allo spettacolo del comico Giorgio Panariello in una tappa del tour “Panariello non esiste” presso l’arena di Verona. Nel 2009 e nel 2010 ha partecipato alle finali della Coupe Mondiale de l’Accordéon (Nuova Zelanda e Croazia) sfiorando la vittoria nella categoria Classica e Varietè (entrambi secondi posti).
Ha partecipato a corsi di perfezionamento con insegnanti di fama internazionale come Pavel Fenyuk, Giuseppe Scigliano,
Mika Vayrynen, Yuri Shishkin, Vojin Vasovic, Owen Murray, Jean Luc Manca, Franck Angelis.
Recentemente è entrato a far parte dei musicisti promossi dalla Gioventù Musicale Italiana
 Paolo Vanacore, napoletano, classe ’69, vive a Roma.
Scrittore, autore, regista.
Laureato in Scienze Umanistiche - Storia del Teatro e dello Spettacolo - presso l’Università La Sapienza  di Roma. Ha frequentato la Scuola di scrittura Omero, sezione Narrativa, e il Master di Regia Teatrale dell'Accademia Europea delle Arti e Spettacolo.

LIBRI:
2006 “Gennaro Pasquariello, attore e cantante di varietà” prefazione di Peppe Barra (Premio Studio 12 Sez. Teatro)
2006 “Che vuole Marta?” racconto inserito nell’antologia gay  “Men on Men vol.5”, Mondadori.
2008 “Donne Romane, storie al margine sotto l’argine” prefazione di Roberto Cotroneo, Edilazio.
2009 Adattamento italiano della raccolta di poesie “Profumo di maturità”, Bagher Ghorbani H., Aracne Editore.
2011 “Piccoli quadri romani”, dieci corti teatrali in dialetto romanesco, prefazione Edoardo Sala, Edilazio.
2011 “123” racconto inserito nell’antologia “Quel giorno, in un attimo…”, Giulio Perrone Editore.
2014 “Mi batte forte il cuore” fiaba per bambini sul tema dell’omogenitorialità. Tempesta Editore.
2015 “Vite a buon mercato”, romanzo, scritto con Silvia Mobili e Romeo Vernazza. Tempesta Editore.

TEATRO:
2007 “Un passo avanti, due indietro” (testo e aiuto regia) – Produzione Teatro Sette
2007 “Zio Daniele” (testo e aiuto regia) – Produzione Teatro Tor di Nona
2008 “Presente Sospeso” di Sabina Di Marco (regia) – Produzione CGIL Roma
2009 “Adriano, memorie di viaggi”(adattamento testo Yourcenar e regia) – Produzione Promoroma
2010 “Pasquariello, l’intimo sentire della canzone napoletana” (testo e regia) –Produzione Studio 12
2011 “La musica è il filo” (testo e regia) – Produzione Studio 12-Teatro Due
2012 “Se solo mi avessi mostrato il tuo corpo”  (testo e regia) –Produzione A&C
2012 "Paradiso, anime d'arte" (testo e regia) – Produzione Onni
2013 “Al mio paese” (testo e regia) – Produzione Teatro Eliseo, Roma per Eliseo Scuola
2013 “E sempre allegri bisogna stare! – Omaggio a Franca Rame“ (testo e regia) – Produzione Studio12
2014 “T’aspetto fuori”  (testo e regia) – Produzione Alt Academy per Eliseo Scuola
2014 “Zio Antonio” (testo e regia) – Produzione Alt Academy per Eliseo Scuola
2015 “In viaggio verso il giorno dopo” (adattamento teatrale e regia) – Produzione La Buona Cultura
2016 "Rosy D'Altavilla. L'amore oltre il tempo" (testo e regia)  la Bottega degli Artisti

CINEMA:
2012 "Le cose belle", documentario, regia di Agostino Ferrente e Giovanni Piperno (autore)
2013 “Piove”, cortometraggio (regia)
2013 “Come again- Imagina”, (regia) videoclip musicale del gruppo Lyridiana & Recta Chorda.
2015 “Un passo avanti, due indietro” teaser cortometraggio (sceneggiatura e regia)



Alessandro Panatteri
PIANISTA, COMPOSITORE, ARRANGIATORE E DIRETTORE D’ORCHESTRA NASCE A ROMA IL 20/07/1963.

INTRAPRENDE GLI STUDI DI COMPOSIZIONE E PIANOFORTE PRESSO IL CONSERVATORIO DI MUSICA S. CECILIA SOTTO LA GUIDA DEI MAESTRI GINO MARINUZZI, ANTONIO SCARLATO ED ERIC ARNDT, CONSEGUENDO IL COMPIMENTO MEDIO DI COMPOSIZIONE E IL DIPLOMA IN PIANOFORTE NEL 1985.

NEL 1980 LA SUA COMPOSIZIONE “DUE MOVIMENTI PER STRUMENTI A FIATO” OTTIENE LA SEGNALAZIONE AL PREMIO INTERNAZIONALE “REINE MARIA JOSÉ” DI GINEVRA.

DAL 1981 AL 1989 SVOLGE PREVALENTEMENTE ATTIVITÀ DI CANTORE PRESSO I GRUPPI CAMERISTICI “MADRIGALSTUDIO”, DIR. M° PIERO CAVALLI E “I MADRIGALISTI DI ROMA”, DIR. M° DOMENICO CIERI, REALIZZANDO CON ESSI ALCUNE PRIME ESECUZIONI ED INCISIONI DI DI OPERE DI MUSICA CONTEMPORANEA DI AUTORI QUALI GIACINTO SCELSI, SYLVANO BUSSOTTI, DOMENICO GUACCERO, E RINASCIMENTALE, TRA CUI LA PRIMA ESECUZIONE ASSOLUTA DEL PRIMO LIBRO DI MADRIGALI DI VINCENZO LIBERTI (SPOLETO, 1983).

CONTEMPORANEAMENTE ALL’ATTIVITÀ IN CAMPO CLASSICO STUDIA PIANO JAZZ CON STEFANO SABATINI E BRUNO TOMMASO.

PER QUATTRO ANNI CONSECUTIVI (DAL 1995 AL 1998) È OSPITE IN QUALITÀ DI PIANISTA DEL FESTIVAL DI MUSICA COLTA AFROAMERICANA, A PESCARA ESIBENDOSI SEMPRE IN PRIME ESECUZIONI ITALIANE O ASSOLUTE.

DAL 1985 AL 1991 È DIRETTORE DEL COMPLESSO BANDISTICO “GIOACCHINO ROSSINI”, DI ROVIANO (RM), E DAL 1988 AL 1991 ASSUME ANCHE LA DIREZIONE DEL COMPLESSO BANDISTICO “S. CECILIA”, DI ANTICOLI CORRADO (RM).

NEL 1991 FONDA LA ALEXANDER’S RAGTIME BAND, UNA DELLE POCHISSIME ORCHESTRE IN EUROPA SPECIALIZZATE NELL’ESECUZIONE DEL RAGTIME CLASSICO NEGLI ARRANGIAMENTI ORIGINALI. CON ESSA COMPIE TOURNÉE PRATICAMENTE IN TUTTA ITALIA, NONCHÉ IN SPAGNA E IN FRANCIA, COLLABORANDO CON PRESTIGIOSI FESTIVAL E ISTITUZIONI CONCERTISTICHE, TRA CUI LE UNIVERSITÀ “LA SAPIENZA” E “LUISS” – ROMA, “ATENEO VENETO” E “BIENNALE TEATRO” – VENEZIA,  FESTIVAL DEL JAZZ TRADIZIONALE DI SAN MARINO, TEATRO ELISEO E PICCOLO ELISEO, TEATRO VALLE, TEATRO DELLE ARTI, TEATRO INDIA, TEATRO GRECO, TEATRO ROSSINI, TEATRO SETTE – ROMA, “THEATRE STUDIO COMÈDIE FRANÇAISE”, ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA DI PARIGI, TEATRO ROMEA DI BARCELLONA, TEATRO COMUNALE DI MARSIGLIA, ASS. “AMICI DELLA MUSICA” DI CHIETI, “ESTATE MUSICALE FRENTANA” – LANCIANO, “SOCIETÀ DEL TEATRO E DELLA MUSICA LUIGI BARBARA” – PESCARA, ETC.

E’ PIANISTA, SIN DALLA SUA FONDAZIONE, DELL’ORCHESTRA ITALIANA DEL CINEMA, UNICA ORCHESTRA ITALIANA SPECIALIZZATA NELL’ESECUZIONE E NELLA REGISTRAZIONE DELLE PIÙ IMPORTANTI COLONNE SONORE CINEMATOGRAFICHE. CON ESSA PRENDE PARTE, NELL’APRILE 2011 AL PRIMO FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL CINEMA A PECHINO, “1° BEIJING FILM FESTIVAL”,  DOVE SI ESIBISCE IN QUALITÀ DI PIANISTA SOLISTA NELL’ESECUZIONE DELLE PIÙ CELEBRI COLONNE SONORE DELLA STORIA DEL CINEMA, TRA CUI “GINGER E FRED”, “LA VOCE DELLA LUNA” E “LA VITA È BELLA”, DIRETTE DALL’AUTORE: NICOLA PIOVANI.

PER LA  TELEVISIONE LAVORA A CANALE 5 IN QUALITÀ DI MAESTRO COLLABORATORE E ARRANGIATORE NELLE EDIZIONI 1994 – ‘95 – ‘97 DE “LA CORRIDA”, A FIANCO DEL  M° ROBERTO PREGADIO; A RAIUNO PER “DOMENICA IN” E “UNO MATTINA”; A RAITRE PER “MI MANDA LUBRANO”.
INOLTRE PARTECIPA IN QUALITÀ DI OSPITE IN VARIE TRASMISSIONI (“TAPPETO VOLANTE”, TMC; “QUESTA ITALIA”, RAI SAT INTERNATIONAL).

PER IL  CINEMA COLLABORA, NEL 1997, CON IL  M° ENNIO MORRICONE, CURANDO LA TRASCRIZIONE E L’ESECUZIONE DI ALCUNI BRANI STORICI (S. JOPLIN – J. ROLL MORTON) ESEGUITI DALLA ALEXANDER’S RAGTIME BAND E COMPONE ALCUNE MARCE IN STILE PER IL FILM “LA LEGGENDA DEL PIANISTA SULL’OCEANO” DI GIUSEPPE TORNATORE.
NEL 2000, COMPONE LE MUSICHE DEL CORTOMETRAGGIO “INDIVIDUALE”, DI LUCIO ZAGARIA.
NEL 2003 REALIZZA LA COLONNA SONORA DEL FILM “AMERIKA”, TRATTO DALLA PRECEDENTE VERSIONE TEATRALE, PER LA REGÌA DI MAURIZIO SCAPARRO.

PER IL TEATRO, COMPONE LE MUSICHE DI SCENA PER GLI SPETTACOLI:

“AMERIKA” DI KAFKA (2000), CON IL QUALE COMPIE UNA TOURNÈE DI TRE ANNI IN ITALIA E IN EUROPA, CON UNA SPECIALE RIPRESA NEL 2015 IN OCCASIONE DEL SEMESTRE DI PRESIDENZA ITALIANA DELL’UNIONE EUROPEA.

SEGUONO: “IL NOSTRO SHAKESPEARE” (2002), CON GLAUCO MAURI E VALERIA MORICONI, PER LA REGIA DI MAURIZIO SCAPARRO; “SERATA ROMANA”(2005), CON MARIO SCACCIA , “ZANZOTTO E ALTRI CANTI” (2005), CON GIORGIO ALBERTAZZI , “EMPORIUM”(2009), CON ANTONIO SANNA,“SARRACINO”  DI RAFFAELE AUFIERO (2010),“UN PASSO AVANTI, DUE INDIETRO” (2007), IN CUI SI ESIBISCE ANCHE IN QUALITÀ DI ATTORE COPROTAGONISTA, “MEMORIE DI ADRIANO” (2009), “PASQUARIELLO ’900” (2010), “SE SOLO MI AVESSI MOSTRATO IL TUO CORPO” (2012), “PARADISO, ANIME D’ARTE” (2012), “AL MIO PAESE” (2013), “SEMPRE ALLEGRI BISOGNA STARE” (2013), “ZIO ANTONIO” (2014), “T’ASPETTO FUORI” (2014), DI PAOLO VANACORE,“QUESTA SERA SI RECITA A SOGGETTO” (2012) DI L. PIRANDELLO, CON MARIANO RIGILLO, PER LA REGÌA DI FERDINANDO CERIANI.
NEL 2003 È ARRANGIATORE E DIRETTORE D’ORCHESTRA NEL MUSICAL “KISS ME KATE”, CON DANIELA MAZZUCATO, PER LA REGIA DI GIANCARLO SAMMARTANO.
PRESTA INOLTRE LA PROPRIA OPERA IN QUALITÀ DI PIANISTA, ATTORE E CANTANTE, CON LA ALEXANDER’S RAGTIME BAND IN “AMERICA, MITO E SOGNO NELLA MUSICA NERA” (2001), A CURA DI FERDINANDO CERIANI,  COLLABORANDO POI CON NICOLA PIOVANI NEL “ROMEO E GIULIETTA”  DI W. SHAKESPEARE (2001) E GERMANO MAZZOCCHETTI NEI “MEMOIRES”  DA CARLO GOLDONI (2004) E IN “DETTE D’AMOUR” (2007) IN LINGUA FRANCESE, PARTECIPANDO CON ESSA ALLA “BIENNALE TEATRO” DI VENEZIA, SUCCESSIVAMENTE RIPRESA E PORTATA IN TOURNÉE IN FRANCIA E IN ITALIA NEL 2010 PER LA REGÌA DI BEPPE NAVELLO.

IN CAMPO DIDATTICO,NEL 1991 FONDA A TIVOLI “LA CITTÀ DELLA MUSICA”, DOVE IMPARTISCE LEZIONI DI PIANOFORTE, MUSICA D’INSIEME, TEORIA MUSICALE E ARMONIA FINO AL 2005.
DAL 2007 AL 2010 È DOCENTE DELLA CLASSE DI PIANOFORTE PRESSO IL DIPARTIMENTO ARTE E SPETTACOLO DEL LICEO SCIENTIFICO “MANFREDI AZZARITA” DI ROMA.

IN CAMPO CLASSICO SI ESIBISCE IN TUTTA ITALIA IN QUALITÀ DI SOLISTA, CON UN REPERTORIO CHE SPAZIA DAI CLAVICEMBALISTI SPAGNOLI ALLA MUSICA DEL ‘900, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA LETTERATURA CHOPINIANA E LISZTIANA E ALLA PRODUZIONE AFROAMERICANA (RAGTIME E EARLY JAZZ), DI CUI È RITENUTO UNO DEI PIÙ AUTOREVOLI INTERPRETI.

DAL 2008 DI ESIBISCE IN TRIO E IN QUARTETTO.

NEL MAGGIO 2012 ESEGUE, ASSIEME AL PIANISTA CLAUDIO JUNIOR BIELLI,  IN PRIMA NAZIONALE ALLA SALA BALDINI IN ROMA, L’INTEGRALE PER DUE PIANOFORTI DEL COMPOSITORE IMPRESSIONISTA FRANCESE REYNALDO HAHN.

CD PUBBLICATI:
“LA LEGGENDA DEL PIANISTA SULL’OCEANO” (1998), CON LA ALEXANDER’S RAGTIME BAND, ED. SONY MUSIC
“RAG IN TIME” (2005), CON LA ALEXANDER’S RAGTIME BAND, ED. CNI, COMPAGNIA NUOVE INDYE
“PASQUARIELLO ’900” (2010), DALLO SPETTACOLO OMONIMO, ED. STUDIO 12
“LA MUSICA È IL FILO” (2011), DALLO SPETTACOLO OMONIMO, ED. STUDIO 12
Lyridiana Marina De Sanctis, soprano
Studia e si diploma nel ‘92 presso il Saint Louis Music School in canto Moderno e Jazz con Edda dell’Orso e Cinzia Spata;
in Armonia, Arrangiamento e Composizione Jazz con Fabrizio Cardosa e Bruno Tommaso.
Studia e si perfeziona in Canto Lirico con Yoshie Fucusaky, Giuliana Valente, Fabrizio Adriano Neri; partecipa ai seminari tenuti per  il Canto Lirico da Giuliana Valente; per il Canto Moderno e Brazilian Jazz da Norma Winstone, Carl Anderson e Toninho Horta.
Si specializza nella musica brasiliana.
Solista, corista, vocal coach, percussionista, spazia col suo eclettismo dal moderno al classico.
Prende parte a numerose tournèe in Italia e all’estero con diversi artisti.
La tourne brasiliana con Toquinho nel 1996, in alcuni dei più famosi teatri del Paese (Rio de Janeiro: Teatro Canecao, Sao Paolo: Teatro Palace, Curitiba: Teatro Guaìra, Araras: Teatro Araras) segna definitivamente il suo cammino nella musica di questa terra meravigliosa.
Nel 1998 fonda il gruppo Ticket to Brasil, in seguito il Cadavento Brasil Project, ed infine il Marina De Sanctis e Eddy Palermo BOSSANOVA E DINTORNI.
Vanta collaborazioni con artisti del calibro di Toquinho, Toninho Horta, Eddy Palermo, Nicola Stilo, Ney Portilho, Roberto Nissim, Gianluca Persichetti, Stefano Rossini, Rogerio Boter Maio, Claudio Colasazza, Daniele Basirico, Alessandro Marzi, Alessandro D’Aloia, Reinaldo Santiago, Pierpaolo Principato, Paolo Cozzolino, Harvey Wainapel, Elvio Ghigliordini, Massimo Aureli, Marco Loddo, Franco Tinto, Marcello Siringano, Alessandro Panatteri, Fabrizio Bono, Laura Pierazzuoli, Riccardo Biseo, Francesco Puglisi,Paolo Iurich, Claudio Corvini, Marzia Ricciardi e Federica vecchio.

Nel 2009 si esibisce con Eddy Palermo ed il suo Samba-Jazz Trio nella seconda edizione del festival Jazz “Sotto le stelle del jazz“, a Terracina (LT), e in Ottobre, sempre del 2009, si esibisce nell’ambito della rassegna Jazz  Colours, a cura di Alfredo Saitto e la partecipazione di Max De Tomassi, appuntamento dedicato alla Bossa Nova, presso La Casa del Jazz di Roma.
Tra Agosto e Settembre del 2009 è a Rio De Janeiro dove si esibisce  in locali come il “Modern Sound” e il “ Rio Scenarium”, con il gruppo GENTE FINA E OUTRAS COISAS, formato da cinque tra i più noti musicisti che hanno fatto la storia della musica brasiliana: Fernando Coelho – chitarra, Ronaldo do Bandolim – mandolino, Zé Carlos “Bigorna” – sax e flauto, Bebeto Castilho – basso (ex bassista del celebre gruppo di samba-jazz TAMBA TRIO), Jovi Joviniano – percussioni.
Nell’Agosto 2010 si esibisce  nell’ambito delle rassegne  “Jazz is coming” – Cerveteri (RM) e “Piazzetta Palombo Jazz” –  Campobasso con l’ “Eddy Palermo Samba Jazz Quartet”.
Nel 2010, con il trio “RECTA CHORDA”, lavora al progetto ARMONIA AL DI LA’ DEL TEMPO, presentando un particolare ed originale programma, con arrangiamenti ed un uso di strumenti sorprendente ed innovativo, abbracciando un arco di tempo di circa quattro secoli, dalla musica rinascimentale inglese alla bossa nova dei grandi maestri;  J. Dowland, Jobim, Chico Buarque, Villa Lobos.  nel Dicembre 2014, viene presentato al Teatro Dell’Angelo – Roma – il CD “VITA ( & BOSSA ) NOVA “, per il quale il regista e autore  Paolo Vanacore  scrive dei testi per voce narrante che uniforma i due generi musicali in armoniosa coerenza facendo emergere il desiderio di coinvolgere gli spettatori in un discorso più ampio relativo ai valori etici: il rispetto per gli animali e per tutti gli esseri viventi, per la natura e l’ambiente. Lo spettacolo teatrale/musicale prende il nome di : LYRIDIANA: LA NATURA HA UNA VOCE.

Il CD “VITA ( & BOSSA ) NOVA “  é stato accolto positivamente dalla critica, per fare un solo esempio cito la  trasmissione Brasil, condotta dal giornalista specializzato in musica e cultura brasiliana, Max De Tomassi su RAI RADIO UNO ( ascolta podcast nella pagina interviste e recensioni ) ed ha avuto un notevole riscontro di ascolti in sud America e nel nord Europa.

Nel 2016 questo progetto evolve in due direttive distinte: quella classica, denominata ” CLASSICI SENZA TEMPO”, dedicata ai più grandi compositori del periodo rinascimentale e barocco europeo . E quella della tradizione musicale brasiliana dal titolo ” ALMA BRASILEIRA “. Sia ” CLASSICI SENZA TEMPO” che ” ALMA BRASILEIRA ” sono stati arrangiati dal M° Franco Tinto, leader del trio RECTA CHORDA ,per voce soprano , chitarra, violino e violoncello.

Nello stesso anno prende vita un nuovo progetto, ” JAZZ’N’MOVIE’N’TIME “, dedicato alle più celebri colonne sonore di film e musical del filone jazz, composti dai massimi esponenti del genere come ad esempio L. Bernstein, M. Legrand, M. Hamlisch.

La sua versatilità la porta ad esibirsi anche in teatro.
Nell’opera lirica come soprano in importanti lavori quali “Traviata”,“Boheme”, “Rigoletto”, ”Madame Butterfly” ecc.-  ed in Oratori; “Messia” di G.F.Haendel in alcuni dei teatri più importanti, tra questi: Teatro Olimpico (Roma), Teatro degli Animosi (Carrara), Teatro Vespasiano, Terminillo (Rieti) Teatro S. Pietro, Duomo di Orvieto ecc., con i direttori R. Bongiovanni, S. La Stella, C. Micheli, L. Simionato, S. Vignati, S. Oliva);
Per la prosa: “Auguri e figli maschi” di Lucio Caizzi; “Informazione gratuita” di Battaglia e Miseferi per la regia di Riccardo Di Blasi; “ Eracle “, monologo  di Maddalena De Pamphilis dove affianca l’attore Paolo Triestino come cantante, percussionista, attrice, mimo, per la regia di Francesca Covatta;  ”Liberteatro” di e con Francesco Bonelli.
Nel 2012 si esibisce negli  spettacoli teatrali “ La Musica è il Filo “ e “ Paradiso, Anime d’Arte”, scritti a diretti da Paolo Vanacore, musiche originali di Alessandro Panatteri.       
Per lungo tempo, oltre a svolgere un’intensa attività in studio di registrazione (Walt Disney, National Geographic, Rai e Mediaset, SKY) è in alcune importanti trasmissioni televisive (Rai: ”Domenica in “ con Francesco Salvi e John Secada, “Più sani più belli” con il M° Fabio Frizzi, “Mille lire al mese” col M° Pippo Caruso, “Carramba che sorpresa” col M° Fabio Frizzi; Mediaset: “La Corrida” col M° Roberto Pregadio, “Parodia Nazionale” e “In ordine alfabetico: Vittorio Gassman, Alberto Sordi, Monica Vitti” col M° Fabio Frizzi; TMC “Top Parade” con Hinda Hicks).
Nel 2002 è maestra del coro accanto al M° Roberto Pregadio ne “La Corrida” condotta da Gerry Scotti. Interpreta diverse colonne sonore e sigle televisive (“Professione fantasma” con Massimo Lopez, “Miss Italia” condotta da Fabrizio Frizzi) e jingles pubblicitari per Stream e Sky.
Nel ’97 partecipa alla registrazione del disco di Fred Bongusto.
Tra il Dicembre 2007 e Gennaio 2008 incide per il musical “Don’t cray butterfly“- sulla vita di Mata Hari – di Raffaele Paglione e Anna Hurkmans, in concorso a Chicago (USA), classificatosi tra i finalisti.
Per il cinema registra la colonna sonora, al  fianco di Claudio Santamaria, del film dedicato alla vita di Rino Gaetano per la regia di Marco Turco, prodotto dalla Rai; in “Sweet sweet Mary“ con Maria Grazia Cucinotta come interprete principale (2007).
Dal 1993 insegna canto moderno presso alcune delle più prestigiose scuole di musica di Roma tra cui la Saint Louis college of music.
Tiene seminari sulla tecnica vocale e sulla musica brasiliana con il progetto “Universo Brasile: Bossa nova e dintorni”. Nello stesso periodo collabora come docente presso l‘Accademia Reiki – Roma-tenendo corsi individuali e di gruppo sullo YOGA DELLA VOCE.

L’iniziativa, unica nel suo genere, é stata oggetto di una puntata di VOICE ANATOMY,  trasmissione che esplora tutte le possibilità dello strumento voce, condotta da Pino Insegno sull’emittente nazionale RADIO 24 ORE.
Andrea Murchio, attore
Andrea Murchio si forma come musicista al Conservatorio "Licinio Refice" di Frosinone, studiando violino e pianoforte complementare e, come attore, presso l'International Acting School di Roma.

Esordisce nel 1999 al Festival Internazional del Teatro Medievale di Anagni ne “Lo schiaffo di Anagni” di Mario Prosperi. Con Prosperi, direttore del Teatro Politecnico di Roma, Andrea è protagonista di numerosi spettacoli (”La donna di Samo” di Menandro, va in tour per anni, venendo rappresentato anche a Malta e in Spagna).

Nel 2001 affianca Roberto Herlitzka in “Assassinio in cattedrale” di Eliott e Giorgio Colangeli nella "Cortigiana" di Pietro Aretino.

Andrea recita in diverse serie tv: “Madame” con Nancy Brilli, “Caterina e le sue figlie” con Virna Lisi, “L’onore e il rispetto” (Prima e seconda serie) con Giancarlo Giannini, “I segreti di Borgo Larici” per canale 5 e “Non Uccidere” (Prima e seconda serie) con Miriam Leone per Rai Fiction.
Andrea lavora col Teatro Stabile d’Abruzzo nell’Otello di Shakespeare, nel ruolo di Jago, e in “Jekyll and Hyde”, versione ufficiale italiana del musical di Broadway, affiancando Giò di Tonno, il famoso gobbo di Notre Dame dell'opera di Cocciante.

Affianca Alessandro Preziosi in “Datemi tre Caravelle”, fortunato musical su Cristoforo Colombo.

E' ne “La lettera scarlatta”, con Nino Castelnuovo, e ne “Il tartufo” di Moliere, con Corinne Clery e Sergio Oppini.

Nel 2010 riceve il premio nazionale “La Ciociara”, per la sua attività.

Nel 2011 è nel cast del film “Il gioiellino” con Toni Servillo e Remo Girone.

Nel 2013 Andrea affianca Pino Insegno in “Edgar Allan Poe, il racconto di un uomo”, al Teatro Eliseo di Roma.

Quindi impersona Fred Buscaglione ne “L’amico di Fred” di Pierpaolo Palladino, esibendosi al Teatro del Casinò di Sanremo e al Torino Jazz Festival.
Come regista dirige “Casa di Bambola” di Ibsen, con il patrocinio dell'ambasciata di Norvegia.

Scrive e dirige “Il ballo di Irene” sulla vita di Irene Nemirovsky, rappresentato a Torino per la Giornata della Memoria, a Parigi, al Festival internazionale Artes Hoy, nella cité universitaire internationale de Paris e al Festival di Avignone Off. A febbraio 2017 la piece sarà di nuovo rappresentata a Parigi all'Ecole Suisse.

Nel 2015 riceve il premio "Città del Leone" per la sua attività nel mondo dello spettacolo, durante il Festival Nazionale dei Conservatori Italiani.

Un suo soggetto cinematografico (“Sara e gli altri”) è stato selezionato dalla Film Commission del Piemonte per il Co-Production Network svoltosi a Bruxelles a maggio 2015, mentre un altro suo progetto filmico, "La Corona Caduta" è stato selezionato per "Opportunity tour, la rai incontra i territori", bando indetto da Rai fiction e film commission.
Nel 2016 interpreta il cortometraggio "Amore grande" accanto a Paolo Graziosi, selezionato al Queens World Film Festival di New York.
Claudio Junior Bielli
Pianista e tastierista di vasto repertorio
• Compositore ed arrangiatore di colonne sonore, musiche di scena e musica applicata
• Nato a L’Aquila il 23/11/1979
• Studi di pianoforte col Maestro Alessandro Panatteri
• Diploma di Pianoforte conseguito nel settembre del 2001 presso il Conservatorio di Musica “Santa Cecilia” in
Roma, sotto la guida dei Maestri Pieralberto Biondi e Benigno Benigni
• Maturità Classica nel 1998, conseguita presso il Liceo Classico “A. Di Savoia” di Tivoli (Rm)
• Corso di Musica per Film presso il Conservatorio di Musica “S. Cecilia”, tenuto dal M° Luciano Michelini
• Conoscenza approfondita dei sistemi operativi Mac OS X e Windows, Midi, Audio DAW (Pro Tools, Logic Studio
Pro, Cubase, Nuendo)
• Inglese scritto e parlato
CONCERTI, MANIFESTAZIONI & EVENTI COME SOLISTA
1991 – Omaggio a Beniamino Gigli – Palazzo Barberini, Roma
1993 – Musica & Educazione – Aula Magna dell’Università “La Sapienza”, Roma
1993 – Premio Valentino Bucchi – Collegio Nazareno, Roma
1996 – Concerto di Natale – Chiesa di S. Giovanni, Roviano (Rm)
2000 – Il Folklore nel Terzo Millennio – Teatro Olimpico, Roma
CONCERTI, MANIFESTAZIONI & EVENTI IN COLLABORAZIONE DI ALTRI ARTISTI
1996 – Le Villi – Sala Accademica del Conservatorio Santa Cecilia, Roma – coro del Conservatorio “Santa Cecilia”
1996 – Omaggio a Pietro Mascagni – Auditorium di Santa Cecilia, Roma – coro del Conservatorio “Santa Cecilia”
1997 – Ritorno del Marco Aurelio – Piazza del Campidoglio, Roma – coro del Conservatorio “Santa Cecilia”
1999 – Donne in musica – Giubileo degli Artisti, Roma e Anagni (Fr) – coro del Conservatorio “Santa Cecilia”
2000 – Mass di Leonard Bernstein – Aula Paolo VI, Città del Vaticano – coro del Conservatorio “Santa Cecilia”
2001 – In memoria di Renato Rascel – Teatro Ambra Jovinelli, Roma – pianista di Giuditta Saltarini
2001 – Le chiavi segrete del rock – Teatro Ambra Jovinelli, Roma – tastierista della band di Viola Nocenzi
2001 – Pegaso d’Oro – premiazione di Alberto Sordi – Acireale (Ct) – pianista di Stefano Gragnani
2001 – Come Together – Ricordando The Beatles – Roviano (Rm) – tastierista della band Trouble Time
2001 – Natale a Piazza del Popolo – Ass. “AVSI”, Roma – tastierista delle band Trouble Time e Marziani di Venere
2002 – Premio Gianni Di Venanzo – Cineteatro Comunale, Teramo – pianista di Giovanni Samaritani e Beatrice Palme
2005 – Disma Music Show – Fiera di Rimini – tastierista della band Emporium
2005 – Napoli - Roma – Teatro Tordinona, Roma – pianista di Sina Del Grillo
2008 – La notte del Buonumore – Teatro Romano di Ostia Antica (Rm) – tastierista della band di Andrea Perroni
2008 – Angelo d’Oro 2008 – Monte Compatri (Rm) – tastierista della band
2009 – Festival di Ghedi – Teatro Gabbiano, Ghedi (Bs) – pianista di Fabrizio Moro
2009 – Buon Compleanno Faber – Rolling Stone, Milano – pianista di Fabrizio Moro
2009 – Tutti x 1 - Atto V – Gran Teatro, Roma – pianista di Andrea Perroni
2009 – Festa della Repubblica dei giovani – Piazza del Campidoglio, Roma – pianista di Fabrizio Moro
2009 – Perdonanza 2009 – Centro Commerciale Arcobaleno, L’Aquila – tastierista della band di Andrea Perroni
2010 – Roma Capitale dello Sport – Piazza del Popolo, Roma – tastierista della band di Fabrizio Moro
2010 – Crociera Sorrisi 2010 – TV, Sorrisi & Canzoni c/o MSC “Splendida” – pianista di Fabrizio Moro
2012 – Integrale per due pianoforti di Reynaldo Hahn – Sala Baldini, Roma – Duo Pianistico “Bielli – Panatteri”
2013 – Concerto per Don Gallo – Taneto di Gattatico (Re) – tastierista della band di Fabrizio Moro
Agg. 15-01-2017
2013 – Fabrizio Moro Live Unplugged – Università “La Sapienza”, Roma – pianista di Fabrizio Moro
2013 – Roma incontra il mondo – Villa Ada – Roma – tastierista della band di Fabrizio Moro
2013 – MEI 2.0 – Teatro Masini – Faenza – pianista di Fabrizio Moro
2013 – Buon compleanno Mimì – Teatro Nuovo – Milano – pianista di Fabrizio Moro
2016 – RossoVivo – Piazza del Popolo – Roma – pianista e tastierista di Fabrizio Moro
2016 – Mannucci incontra – Tagliacozzo – pianista e tastierista di Fabrizio Moro
2016 – Premio Ravera – Ancona – pianista e tastierista di Fabrizio Moro
2016 – Musica & Parole – Contestaccio – Roma – pianista e tastierista di Fabrizio Moro
2016 – Ridiamoci su 2016 – Teatro Olimpico – Roma – pianista di Andrea Perroni e Viviana Colombo
2016 – Musica contro le mafe – Teatro Nuovo – Cosenza – pianista e tastierista di Fabrizio Moro
TOUR MUSICALI & ATTIVITÀ LIVE
• Tiziana Rivale (tour dal 2006 al 2009)
• Andrea Perroni (tour dal 2007 al 2009)
• Fabrizio Moro (tour dal 2009 al 2016)
Altre formazioni ed Artisti con cui ha collaborato e collabora come pianista, tastierista ed arrangiatore: Simona Molinari,
Elodie, Fiorella Mannoia, Pino Insegno, Roberto Ciufoli, Viviana Colombo, Tree Gees, Rewind, Scarlet Musa,
Neapolitown, Zac in progress, Federico Perrotta, Verdì, Four Goes, Capolinea, Giulia Pratelli, Peresempio Band,
Michele Grandinetti, Enzo Samaritani, Giuditta Saltarini, Marco Adami, Mauro Di Maggio, Melatti, Alberto
Lombardi, Marta Gerbi, Barry Mack, Viola Nocenzi, Luce, The Place Music Family, Emporium, Rosewood, Black Fox
Band, Five Power, Motown, Michele Ranieri, Jupiter’s Moon, Adikapongo, A.D.E., Trouble Time, Marziani di Venere,
Avatar, Sindrome Litfba, Pamela Lacerenza, ecc.
TOUR ED ESIBIZIONI PER IL TEATRO DI PROSA, MUSICALE & CABARET
2000 – Mass – regia di Enrico Castiglione – (in onda su Raidue e Raisat) – corista
2000, 2001 – All’Angelo Azzurro – regia di Giorgio Albertazzi – pianista
2001 – Biabà, sillabe d’amore – di & con Stefano Gragnani – pianista
2002 – La signora in blues – regia di Bruno Maccallini – pianista
2002 – Andromaca – regia di Mariano Rigillo – pianista
2008 – Tutto in 90 minuti – di & con Andrea Perroni – pianista e tastierista
2009 – Chi mi accontenta gode – di & con Andrea Perroni – pianista e tastierista
2009 – Ancora non ho deciso – di & con Andrea Perroni – pianista e tastierista
2009 – Avenue Q – regia di Stefano Genovese – pianista della Q Band
2012 – Federico Perrotta Show – pianista e tastierista
2014 – T'Insegno un par de Ciufoli – di & con Pino Insegno e Roberto Ciufoli – pianista della Peresempio Band
2014 – Assolo di coppia – di & con Roberto Ciufoli e Tiziana Foschi – pianista
2015, 2016 – Tra le luci dello swing – pianista di Pamela Lacerenza
MUSICHE PER TEATRO, COLONNE SONORE & SOUND DESIGN
Spettacoli Teatrali:
2009 – Chi mi accontenta gode e 2 di & con Andrea Perroni – musiche originali
2011 – L’animale in gabbia regia di Roberto Mariotti – musiche originali
2011 – Anime Sorelle regia di Toni Bertorelli – musiche originali
2012 – Erinnerung regia di Gianni Guardigli – musiche originali
Lungometraggi:
2010 – Tempo reale regia di Roberto Mariotti – colonna sonora
2014 – Il bastardo innocente regia di Igor Maltagliati – colonna sonora
Cortometraggi:
2005 – Contratto a termine regia di Roberto Mariotti – colonna sonora
2007 – Il piazzista regia di Roberto Mariotti – colonna sonora, presa diretta e sound design
2007 – Rifessi regia di Roberto Zorfni – colonna sonora e sound design
(Premio “Best Sound Design” - 48hour Film 2007)
Agg. 15-01-2017
2008 – Una sera del ‘77 regia di Roberto Zorfni – colonna sonora e sound design
2008 – Testamento regia di Roberto Mariotti – colonna sonora e sound design
2008 – Troppo d’azzardo regia di Alessandro Parrello – colonna sonora, presa diretta e sound design
Tv, Web Series & Documentari:
2008 – Derby Blue - il nettare della vita regia di Mirko Carangelo – colonna sonora e sound design
2011 – Shavshvebi regia di Guillermo Luna – colonna sonora
2013 – Il bastardo innocente regia di Igor Maltagliati – colonna sonora e sound design
2014 – Tutta colpa di Simon regia di Alessio De Leonardis – colonna sonora
COLLABORAZIONI & SUPERVISIONE MUSICALE PER IL TEATRO
2002 – Kiss me, Kate! – regia di Giancarlo Sammartano – maestro sostituto e assistente musicale
2007 – Dentro il buco - Appunti di un matto – regia di Roberto Mariotti – consulente musicale
2010 – Pasquariello ‘900 – regia di Luca Silvestri – assistente musicale
2012 – Se solo mi avessi mostrato il tuo corpo – regia di Paolo Vanacore – arrangiatore
COLLABORAZIONI DISCOGRAFICHE
• Barabba E.P. Fabrizio Moro (2009)
• Nanù Promo Massimiliano Drapello (2009)
• Ancora Barabba L.P. Fabrizio Moro (2010)
• Marlene D. - The Legend L.P. Quince (Riccardo Castagnari) (2010)
• Pasquariello '900 L.P. AA.VV. (2010)
• La musica È il flo L.P. Alessandro Panatteri (2011)
• Atlantico Live L.P. Fabrizio Moro (2011)
TELEVISIONE & RADIO
1999 – Vivendo Parlando – Sat2000 – solista al pianoforte
2001 – La Vita in Diretta – Raiuno – pianista
2007 – Piazza Grande – Raidue – tastierista di Paolo Meneguzzi
2007 – Matinée – Raidue – tastierista di Paolo Meneguzzi
2007 – Videodrome – Radio Imago – realizzazione e conduzione radiofonica
2009, 2010 – Domenica In – Raiuno – pianista e tastierista di Fabrizio Moro
2010, 2011, 2012 – Social Club – Radiodue – pianista e tastierista di Fabrizio Moro
2011, 2012, 2013 – SuperMax – Radiodue – pianista e tastierista di Fabrizio Moro
2012 – La Partita del Cuore – Raiuno – pianista e tastierista di Fabrizio Moro
2014 – Roxy Bar – Roxybar.tv – pianista e tastierista di Fabrizio Moro
2015 – Coca Cola Summer fest – Piazza del Popolo – Roma – pianista e tastierista di Fabrizio Moro
2015 – Repubblica TV – Repubblica TV – pianista e tastierista di Simona Molinari
2016, 2017 – Coca Cola Summer fest – Piazza del Popolo – Roma – pianista e tastierista di Fabrizio Moro
ALTRE ATTIVITÀ PROFESSIONALI
• 2001/2003 – Pianista in Hotel di prima categoria
• 2004 – Musicista del Palm Beach Resort presso la Repubblica delle Maldive
• dal 2004 al 2009 – Realizzazione suonerie polifoniche e contenuti multimediali per conto della Acotel S.p.A.
• 2008/2009 – “Live Music Market Specialist” per la BOSE Corporation
INSEGNAMENTO & DISPONIBILITÀ
Collaborazioni in qualità di insegnante con le seguenti scuole: La Città della Musica – Tivoli; Viale Mazzini 119 – Roma;
Cinecittà Campus – Roma; Studio Uno – Roma; Fonderia delle Arti – Roma; MMB Studios – Roma; Ciac by Cantus
Planus – Roma.
Di base a Roma, la sua disponibilità si estende a tutto il territorio nazionale ed internazionale.
Luca Sanzò,
allievo di Bruno Giuranna, svolge attività concertistica, discografica e didattica. Ha effettuato concerti in tutto il mondo, ospite di importanti sale e prestigiosi festival di musica da camera, di musica contemporanea ed elettronica. E’ molto attento alla produzione e alla diffusione della nuova musica, della quale è un apprezzato esecutore, molti compositori lo hanno eletto dedicatario ed interprete di riferimento dei propri lavori. Fa parte del PMCE, Parco della Musica Contemporanea Ensemble, gruppo residente nel parco della musica di Roma, specializzato nella musica del '900 e contemporanea. E’  fondatore del Quartetto Michelangelo, inoltre è regolarmente invitato, insieme a musicisti di tutto il mondo, all'annuale Rome Chamber Music Festival. Ha collaborato, in qualità di prima viola solista, con il Teatro dell’Opera di Roma, il Teatro Lirico di Cagliari e Concerto Italiano, gruppo con il quale ha approfondito, con i migliori strumentisti del settore, le sue conoscenze volte ad una esecuzione filologicamente consapevole della musica barocca, attraverso l’utilizzo di strumenti originali.Ha pubblicato, per Ricordi, una revisione dei 41 Capricci di Campagnoli per viola sola ed è titolare della cattedra di viola presso il Conservatorio di S. Cecilia di Roma. Ha inciso per Nuova Era, Bottega Discantica, BMG Ricordi, Opus 111, Tactus, Edi Pan, Stradivarius, Naïve, Chandos, Naxos e, per Brilliant Classics, l'integrale delle sonate per viola e pianoforte e per viola d'amore e pianoforte di Hindemith, e delle sonate di Brahms
Vincenzo Isaia
Consegue, a pieni voti, i Diplomi di Magistero in Clarinetto (1997) e in Musica da Camera (2004) rispettivamente presso i Conservatori “V. Bellini” di Catania e “S. Cecilia” di Roma, sotto la guida dei maestri F. Lombardo, L. Cerroni e A. D’Amico nonché la laurea magistrale di II livello in “Discipline Musicali” presso il Conservatorio “G. Braga” di Teramo discutendo una tesi dal titolo “Fraulein Klarinette nella musica da camera di Johannes Brahms”. Ha inoltre seguito il corso triennale di Alto Perfezionamento presso l’Accademia “L. Perosi” di Biella sotto la guida del M° Thomas Friedli e, in duo con il pianista Francesco Del Fra (Duo Résonance), ha conseguito il Diploma di Alto Perfezionamento in Musica da Camera al Corso Speciale di Perfezionamento tenuto dal M° Bruno Canino presso la Scuola di Musica di Fiesole.
E’ stato vincitore di numerosi premi nelle sezioni “solista” e “musica da camera” in concorsi musicali nazionali e internazionali classificandosi sempre ai primi posti.
Ha seguito corsi di perfezionamento ed interpretazione in Italia e all’estero con clarinettisti e musicisti di chiara fama come A. Pay, F. Ferranti (“Arts Academy” - Roma), C. Palermo (“Accademia Italiana del Flauto” - Roma),  F. Meloni (Accademia “A. Rolla” - Pavia), K. Leister (“Amici della Musica” - Firenze), G. Garbarino (“4° Festival Nazionale del Clarinetto” - Agrigento), Enrico M. Baroni (“5° Festival Nazionale del Clarinetto” - Agrigento),    S. Micheletti (“Accademia Romana di Musica” - Roma). Primo clarinetto della “Ostia Chamber Orchestra”, coordinata dai solisti dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia, è stato vincitore, nel 2000, di tutti i posti per clarinetto banditi dal Ministero della Difesa al “1° Concorso per orchestrali presso la Banda Musicale  dell’Esercito Italiano” dove, per più di un decennio, ha avuto modo di collaborare con il M° Fulvio Creux.
Componente del CLARINOPERA&NSEMBLE, orchestra di clarinetti coordinata dal M° Calogero Palermo direttore e solista, è attivo in varie formazioni cameristiche: DUO RÉSONANCE (clarinetto e pianoforte con Francesco Del Fra), Duo clarinetto e fisarmonica (con Massimiliano Pitocco), Quintetto a fiati FIGARO, Trio con violoncello e pianoforte (con Francesco Mariozzi e Francesco Del Fra), RÉSONANCE IN TRIO con Soprano e pianoforte (con Alessandra Càpici e Francesco Del Fra).
Fra le importanti istituzioni italiane ed estere che hanno ospitato Vincenzo Isaia si annoverano:
• Musikfrühling 2013 – Fünftes Internationales Kammermusikfestival, Böblinger;
• Aula Magna dell’Università “La Sapienza” di Roma;
• Università degli Studi “Roma Tre”;
• “Mirarte” – Auditorium Vallisa, Bari;
• “Museo Nazionale di Castel S. Angelo”, Roma;
• Università degli Studi della Tuscia, Viterbo;
• Stato Città del Vaticano.

Un sodalizio artistico e di continua ricerca musicale lega Vincenzo Isaia al compositore marchigiano Angelo Biancamano il quale ha scritto e dedicato “Résonance” (2013) per clarinetto e pianoforte all’omonimo duo e il brano “Al di là del Mare” (2015) per clarinetto e fisarmonica eseguito in prima assoluta con il M° Massimiliano Pitocco.
All'attività concertistica affianca quella didattica di clarinetto e musica da camera ed è regolarmente invitato, come membro di giuria, presso importanti concorsi di esecuzione musicale nonché come commissario esterno per gli esami di clarinetto presso i Conservatori di Musica di Stato.  
Recentemente ha, inoltre, partecipato al seminario "Tecnica di introduzione all'ascolto" tenuto  dal M° Rattalino, nel quale sono state approfondite tematiche sulla comunicazione con il pubblico nelle sale da concerto.  
Vincenzo Isaia è Endorser del marchio D’Addario-Bode ed è inserito nel sito ufficiale del prestigioso marchio Buffet-Crampon quale artista che si avvale di suonare un clarinetto modello RC Prestige.

Dal Settembre 2016 è Primo clarinetto solista della Banda Musicale dell’Esercito Italiano a Roma.
“Vincenzo è artista che decolla …! Ai prossimi «voli pindarici»!” (G. Garbarino - 2006).
Francesco Del Fra
si diploma in pianoforte a ventidue anni presso il Conservatorio “L. Refice” di Frosinone a pieni voti sotto la guida della prof.ssa Grazia Barbanera. Nel 2000 fonda l’Ensemble Dodekachordon, di cui è tutt’ora direttore, con il quale tiene regolarmente concerti e spettacoli originali di musica sia sacra che profana, dal Medioevo al Novecento, lirica e sacra. Studia canto e recitazione con i maestri Silvia Scicolone, Nora Tabbush e Miriam Spera. Affascinato dalla musica da camera, nel 2005 consegue il relativo  diploma triennale presso il Conservatorio di S. Cecilia, sotto la guida dei maestri Luciano Cerroni e Aldo D’Amico. Insieme al clarinettista Vincenzo Isaia, fonda il “Duo Résonance”, vincendo premi in numerosi concorsi nazionali e internazionali. Nel 2009 consegue brillantemente il diploma di corso di perfezionamento tenuto dal M° Bruno Canino in Musica da Camera presso la Scuola di Musica di Fiesole, e da allora si esibisce regolarmente in festival e stagioni di Musica da Camera italiani, collaborando con compositori e artisti di fama internazionali, quali Angelo Biancamano, Alessandro Annunziata, Alessandra Capici, Francesco Mariozzi, Pierpaolo Iacopini Luca Sanzò. Cura le messe in scena di “Tosca” e “Madama Butterfly”, prodotte dall'Associazione culturale Dodekachordon, di cui è direttore artistico dal 2009. E’ ideatore di progetti innovativi e sperimentali come “Cavalleria metropolitana”, rielaborazione teatrale e musicale di “Cavalleria rusticana” di Verga-Mascagni, e di progetti divulgativi per le scuole. E’ dedicatario di musiche originali composte da autori viventi e si esibisce come pianista camerista in festival di Musica Contemporanea quale “Il cantiere internazionale delle arti” di Montepulciano. E’ regolarmente invitato a tenere concerti nell’ambito delle manifestazioni culturali dell’Estate Romana. Ha seguito master classes di Musica da Camera con Calogero Palermo, Karl Leister, Piero Rattalino. Collabora frequentemente con la Banda dell’Esercito Italiano come pianista aggiunto. E’ membro fondatore del Consorzio Liberi Musicisti, gruppo di lavoro che unisce interpreti e compositori con lo scopo di promuovere la musica contemporanea italiana.

Beatrice Mercuri, mezzosoprano
Laureata con il massimo dei voti in Storia Scienze e Tecniche della Musica e dello Spettacolo all’Università TorVergata in Roma. Master post laurea a pieni voti in Professionsta del Terzo Settore. Studia pianoforte e canto diplomandosi brillantemente presso il conservatorio L.Refice di Frosinone. Consegue quindi la laurea specialistica di secondo livello in Discipline Musicali presso il Conservatorio S.Cecilia in Roma con il massimo dei voti e la lode.
Masterclass con Marina Comparato, Pietro Spagnoli e Sonia Prina.
Si specializza con Monica Bacelli, Elizabeth Norberg-Schulz, Erling R. Eriksen presso l’Accademia Filarmonica Romana e con Gemma Bertagnolli, Torsten Übelhör, Thomas Albert presso il Mozarteum di Salisburgo.
Vince il primo premio assoluto al Rome Festival Competition 2005 debuttando in Dorabella e Cherubino presso il circuito lirico romano. Si ricorda l’importante concerto a fianco della Sig.ra Fiorenza Cossotto presso il Palazzo Apostolico Lateranense. Molto attiva in ambito concertistico si è esibita in manifestazioni radiotelevisive ed in numerose sale da concerto tra cui la Sala Casella dell’Accademia Filarmonica Romana, il Teatro dell’Opera, il Teatro Anfitrione, il Teatro Greco, il Teatro Quirino, ed anche presso il Teatro Vespasiano di Rieti, il Teatro Comunale di Latina, il Teatro dell’Opera di Varna, il Teatro DeLaMar di Amsterdam, il Theater De Spiegel di Zwolle, il Rabotheater di Hengelo, il Teatro Capitole di Gent, lo Stadsschouwburg di Utrecht, il Cultuurcentrum di Hasselt, lo Stadsschouwburg di Nijmegen, il De Flint Theater di Amesfoort, il Theater Markant di Uden, il De Goudse Schouwburg di Gouda, lo Stadsschouwburg Velsen di IJmuiden, il Parktheater Eindhoven, il Theater de Veste di Delft, il Triangel di Sankt Vith, il De Schouwburg di Leuven, il Koninklijke Schouwburg di Den Haag, il Theater Junushoff di Wageningen, il Theater De Maagd di Bergen op Zoom, lo Schouwburg Amphion di Doetinchem, lo Stadstheater di Zoetermeer, il nieuwe Luxor Theater di Rotterdam, il Kinneksbond di Mamer, il Mozarteum di Salisburgo.
Molto attenta anche al repertorio barocco e contemporaneo, ha eseguito musiche rare del ‘600-‘700 e preso parte a prime esecuzioni assolute.
Ha vinto il Terzo Premio – Concorso Internazionale di Canto Lirico L.Denza 2012 e debuttato il ruolo de La Musica ne L’Orfeo di C.Monteverdi presso il Mozarteum di Salisburgo.
In seguito ha debuttato i ruoli di Tisbe ne La Cenerentola di G.Rossini e di Eco in Eco e Narciso di D.Scarlatti a Roma e Sesto nel Giulio Cesare di G.F.Händel a Spalato.
Ha inciso per O.M.A. edt, Tactus, Bongiovanni

https://www.youtube.com/watch?v=38XZ9TcuAK4
Simone Ori è assistant conductor di Stefano Montanari.
Dal 2017 in tale veste inizia una collaborazione con l' Opera Vlaanderen di Anversa/Gand per l' Agrippina di Handel, con protagonista Ann Hallemberg, e nel 2018 la Clemenza di Tito di Mozart.
Lavora stabilmente come direttore, cembalista, organista, pianista e maestro di sala con compagini quali Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino (con i quali, dopo un concerto nel giugno 2016 come organista per la Missa Solemnis di Beethoven sotto la direzione di Zubin Mehta, inizia una stretta collaborazione: tra gli impegni attuali e futuri, per gli ottant'anni del Maggio Musicale Fiorentino, Idomeneo di W.A.Mozart con Michael Schade e Carmela Remigio; il Te Deum di Bruckner e un concerto con Avi Avital diretti entrambi da Zubin Mehta ; Ein Deutches Requiem di Johannes Brahms con Karl-Heinz Steffens e la Seconda sinfonia di Mahler con Fabio Luisi), Orchestra della Toscana (sotto la direzione di Asher Fisch e Daniele Rustioni), Gli Archi del Cherubino (del quale è il cembalista), Orchestra Toscanini di Parma, Orchestra dell'Opera di Anversa, Camerata Strumentale Città di Prato, Bozen Baroque Orchestra, Berliner Symphonietta, Baden Symphonietta, presso sale, festival e teatri italiani e stranieri quali: Opera di Firenze, Monteverdi Festival di Castiglioncello del Trinoro, Teatro Verdi di Firenze - Festival Play.it, L'Architasto di Roma, Palazzo Ruspoli di Vignanello per il Concorso internazionale di Canto barocco 2015, Stagione della Società Barattelli de L'Aquila, Sala Bianca di Palazzo Pitti - Firenze, Teatro della Pergola di Firenze, Settimane barocche di Brescia, Università della Musica di Danzica, Palazzina Liberty di Milano, Teatro Verdi di Pisa, Philip Maillard Saison e Theatre Grevin di Parigi, Palazzo Vendramin - Calergi di Venezia, Hope University di Liverpool, Teatro nuovo di Bolzano, teatri di Ferrara, Rovigo, Ravenna...accanto ad artisti di fama mondiale come, tra gli altri, Gemma Bertagnolli, Francesca Aspromonte, Roberto Loreggian, Ann Hallenberg, Judith Hamza,
Giuseppina Bridelli, Enrico Onofri, Silvia Frigato, Mariame Clement, Mariangela Sicilia, Marina Comparato, Roberta Mameli, Filippo Mineccia, Federico Maria Sardelli, Michele Mariotti....
Vincitore del premio ILMA ESTATE 2014 per il Basso Continuo e della Borsa di studio
dell'Associazione Richard Wagner di Venezia per il Festival di Bayreuth 2013.
È docente di Pratica organistica presso la Scuola di Musica di Fiesole e Maestro al Cembalo della classe di Canto barocco di Furio Zanasi presso il conservatorio "L. Refice" di Frosinone.
Compie gli studi di Lettura della partitura con Riccardo Luciani e si diploma in Pianoforte, Organo (con Federico del Sordo e Claudio Astronio), Cembalo (con Annaberta Conti e perfezionamento con Roberto Loreggian) e Direzione d'orchestra (con Piero Bellugi e Alessandro Pinzauti) col Massimo dei voti, Lode e Menzione speciale.
Già Postgraduate Student in Direzione d' orchestra presso l'Universitaet fur Musik und Darstellende Kunst di Vienna sotto la guida di Mark Stringer e Yuji Yuasa.
ALLAN RIZZETTI, baritono
Dopo avere conseguito il diploma in pianoforte, si dedica allo studio del canto con il baritono greco Costantino Ego e successivamente all’Accademia del Teatro alla Scala sotto la guida del famoso soprano Leyla Gencer.
Ha partecipato a numerose Masterclass di perfezionamento con grandi artisti quali Franco Corelli, Teresa Berganza, Virginia Zeani e di perfezionamento musicale con Robert Kettelson. Studia attualmente a Milano con il tenore Vincenzo Antonio Manno.
Ha frequentato la Civica Scuola di Arte Drammatica “Paolo Grassi” a Milano.
Ha debuttato nella corda di tenore (ruolo del Messaggero nell’opera AIDA) a Verona e a Messina al fianco di Maria Chiara e Fiorenza Cossotto, e immediatamente è stato invitato in una tournée di concerti in Sud America dal mezzosoprano Fiorenza Cossotto, con registrazione di un cd dal vivo.
Il debutto nella corda di baritono è avvenuto nel ruolo di Moralès nell’opera CARMEN e da allora è stato invitato in numerosi teatri a ricoprire ruoli da baritono. Grazie alla sua estensione vocale, si trova a proprio agio sia nel repertorio romantico sia nel verismo, sia nel repertorio rossiniano. Ha ricevuto numerosi elogi per la presenza scenica e doti attoriali.
Alcune delle opere già debuttate : Carmen, Cavalleria Rusticana, Giulio Cesare, Orlando, Favorita, Elisir d'amore, Don Pasquale, Incoronazione di Poppea, Fedora, Pagliacci, Bohème, Turandot, Gianni Schicchi, Madama Butterfly, Barbiere di Siviglia, Amico Fritz, Cenerentola, Cambiale di matrimonio, Adriana Lecouvreur.
Ha lavorato sotto la direzione dei maestri Nello Santi, Reynald Giovaninetti, Tadeusz Kozlowzky, Anton Guadagno, Alfredo
Silipigni, al fianco di famosi colleghi quali Giuseppe Di Stefano, Francesco Ellero D'Artegna, Carlo Zardo, Fiorenza Cossotto, Maria Chiara, Piero Giuliacci e Giovanna Casolla.
Ha cantato a Milano, Verona, Roma, Firenze, Palermo, Catania, Messina, Rio de Janeiro, Sao Paulo, Madrid, Graz, Marsiglia, Koblenz, Istanbul, Bangkok, e altre.
Ha recentemente ottenuto grande successo personale sostituendo il baritono Armando Ariostini nell’opera “Pubblicità ninfa gentile” del maestro Gino Negri e interpretando il ruolo di Alfio in una serata di Gala al Teatro Dal Verme di Milano al fianco di Giovanna Casolla e Piero Giuliacci, cui ha fatto seguito la pubblicazione di un cd live in edizione limitata per la Banca Popolare di Milano.
Ha in repertorio numerose composizione sacre di Perosi (La Passione di Cristo secondo San Marco, Il Natale del Redentore, La Risurrezione di Cristo), Mascagni (Messa di Gloria in fa maggiore), Puccini (Messa di Gloria) e Charpentier, del quale ha interpretato in un centinaio di esecuzioni il Te Deum.
Prossimi impegni : Semiramide di Rossini (Assur) al fianco del soprano Denia Mazzola Gavazzeni, Barbiere di Siviglia (Figaro), Elisir d’amore (Belcore), La cambiale di Matrimonio (Slook), alcuni Gala in Oriente (Bangkok a maggio e dicembre) e alcune recite di Turandot in Corea (ruolo del Mandarino) al fianco di Giovanna Casolla.
Per la casa discografica Bongiovanni di Bologna sta incidendo le prime esecuzioni mondiali delle opere Vanna del compositore verista Lamberto Pavanelli e dell’opera Nora di Gaetano Luporini
STEFANIA GANERI, pianoforte
Ha conseguito il diploma di pianoforte con il massimo dei voti presso il Conservatorio G. Martucci di Salerno, perfezionandosi poi con Bruno Mezzena presso l’Accademia Pescarese per il repertorio solistico, e a Roma con Kostantin Bogino per quello cameristico.
Ha al suo attivo centinaia di concerti tenuti in teatri e istituzioni concertistiche in Italia, Francia, Germania, Austria, Spagna, Malta e nel 2007 presso il teatro dell'Unesco di Beirut in Libano, suonando da solista, anche solista con orchestra, in formazioni da camera, tra le quali occupa un posto di rilievo il duo tenuto per anni con il violoncellista Fabio Centurione, e come collaboratore al pianoforte di artisti e interpreti di prestigio tra i quali Michael Aspinall.
Di rilievo l'attività concertistica tenuta in duo pianistico, due pianoforti e pianoforte a quattro mani, con la sorella Ilaria, con la quale da anni affiancano all’esecuzione del noto repertorio classico e romantico, un'attività di ricerca che ha portato all’esecuzione di musica rara, prime esecuzioni assolute di musiche scritte per il loro duo, e soprattutto, il '900 italiano:
“..splendido concerto del duo pianistico Stefania e Ilaria Ganeri...una sensibilità interpretativa di
grande livello...capacità di cogliere negli spartiti novecenteschi sofferenze e ispirazioni di uomini e compositori...”(Il Tempo)
Invitate al Festival Internazionale di Heidelberg in Germania che ospita pianisti provenienti da tutto il mondo, la critica ha scritto:
“…Il recital del duo pianistico delle sorelle italiane Stefania e Ilaria Ganeri è riuscito in modo
esemplare…un programma denso di sonorità di indubbio effetto… che il duo Ganeri ha saputo
rendere con intensità rappresentativa e tensione espressiva.”(Rhein-Neckar-Zeitung)
Ha un'ampia esperienza come maestro collaboratore e sostituto (attività prestata in Italia e all'estero, stabilmente dal 2003 al 2005 presso il teatro Verdi di Salerno), e si dedica molto all'esecuzione della musica vocale da camera con rapporti di collaborazione artistica consolidati negli anni.
Diplomata in clavicembalo (docente Paola Bernardi) e musica vocale da camera (docente Jana Mrazowa) presso il Conservatorio S. Cecilia di Roma, ha superato i concorsi per la docenza nei Conservatori di Musica e nelle Accademie Nazionali d'Arte Drammatica e Danza: ha lavorato come maestro collaboratore al pianoforte presso l'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica “Silvio D'Amico”di Roma, è stata titolare della cattedra di accompagnatore al pianoforte nei Conservatori ed è attualmente titolare della cattedra di pianoforte principale presso il Conservatorio di Benevento, tenendo corsi in mobilità Erasmus in Slovacchia presso l'Università di Banska Bystrica.
GINEVRA PETRUCCI
Descritta dalla stampa italiana come “uno dei più interessanti talenti della nuova generazione” in occasione del suo debutto romano con I Musici, e lodata dalla rivista americana The Flutist Quarterly per il suo “bel fraseggio, brillante virtuosismo e legato degno di un grande cantante”, Ginevra Petrucci svolge da anni una dinamica attività concertistica internazionale, che la ha portata ad esibirsi in prestigiose sale da concerto in Europa (Sala Accademica di Santa Cecilia di Roma; Villa Medici, Roma; Teatro La Fenice, Venezia; Sala Maffeiana, Verona; Villa Pignatelli, Napoli; Salle Cortot, Parigi; Accademia Liszt, Budapest; Accademia Chopin, Varsavia; Royal Conservatory of Music, Dublino), America (Carnegie Hall, New York), Giappone (Shinjuku Bunka Center e Ohji Hall, Tokyo), Brasile, Israele, Turchia, Nord e Sud Africa, collaborando con artisti di fama internazionale, tra cui il pianista Bruno Canino, con cui ha un duo stabile, il violoncellista Rocco Filippini, il pianista Boris Berman, l’arpista Emmanuel Ceysson, il clavicembalista Jory Vinikour.
Attiva camerista, collabora con numerosi ensemble, tra cui I Virtuosi Italiani, I Pomeriggi Musicali, I Musici di Roma e il Quartetto Kodály. Tra le sue registrazioni figurano i quattro Concerti per Flauto di Giulio Briccialdi con I Virtuosi Italiani (prima registrazione mondiale, Bongiovanni 2009), i tre Quintetti per flauto e archi di Friedrich Kuhlau con il Quartetto Kodály (Brilliant Classics 2013), la musica da camera con flauto di David Fontanesi (Bongiovanni 2014 e 2015), la silloge completa dei Duetti per due flauti di Joseph Haydn (Brilliant Classics 2015), “Il Mondo di Ieri” in duo con Bruno Canino (Dynamic 2015), i concerti di Dupuy e Büchner con I Pomeriggi Musicali (Brilliant Classics 2015) e il primo CD interamente dedicato al flauto d’amore (Brilliant Classics 2016).
LORENZO FABIANI
Si è diplomato in violino e in viola al Conservatorio “F. Morlacchi” di Perugia con il massimo dei voti. Si è perfezionato in Italia con P. Vernikov e Z. Gilels, a Vienna con E. Chugajeva e ad Augsburg con Lydia Dubrovskaja.
Dal 2002 ha svolto una intensa attività orchestrale collaborando con l’orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia di Roma, l’orchestra Haydn di Bolzano e Trento, l’orchestra Sinfonica della RAI di Torino e l’orchestra Filarmonica Toscanini suonando sotto la guida dei maggiori direttori del nostro tempo: E. Inbal, C. Dutoit, M. Rostropovich, M.W. Chung, G. Pretre, Y. Temirkanov, K.Masur, Z. Metha, L. Maazel (dal quale è stato diretto più di cento volte). Con le suddette orchestre ha effettuato tournèe in Europa, America, Cina, Giappone, Medio Oriente suonando nelle più importanti sale del mondo.
E’ stato primo violino di spalla del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto dal 2011 al 2016 sotto la direzione di Carlo Palleschi e Marco Angius.
Dal 2009 al 2016 è stato membro dei “Solisti Aquilani”, con i quali ha suonato al fianco di Salvatore Accardo, Bruno Canino, Umberto Clerici, Kristof Penderecki, Ramin Bahrami, Sonig Tchakerian, Luis Bacalov, Giovanni Sollima…. Svolge un’intensa attività anche come camerista e solista, che lo ha portato ad esibirsi in duo e in varie formazioni da camera per diverse associazioni musicali italiane, collaborando con illustri musicisti quali: Dora Schwarzberg, Carlo Maria Parazzoli, Simone Briatore, Nora Romanoff, Francesco Pepicelli, Michelangelo Carbonara. Ha registrato per Bayerischer Rundfunk e per Radio Classica e ha inciso per Bongiovanni-Bologna.

FRANCESCO SORRENTINO
E’ docente di Musica d’Insieme per Archi e Quartetto al Conservatorio di Musica “Alfredo Casella”.
Nato a Milano, ma romano d’adozione e siciliano d’origine, si è diplomato con il massimo dei voti presso il Conservatorio Santa Cecilia di Roma sotto la guida di Mario Centurione, violoncellista de “I Musici”.
E’ stato allievo a  Fiesole del Trio di Trieste e di Piero Farulli, ricoprendo anche il ruolo di primo cello dell’Orchestra Giovanile Italiana,
Per quattro anni consecutivi, superando le selezioni internazionali, é stato membro effettivo dell’European Community Youth Orchestra, oggi EUYO.
Ha fatto parte in questi anni di alcuni dei migliori ensemble cameristici italiani (duo con Tiziano Mealli, Trio di Firenze, Quartetto di Fiesole, Quartetto di Roma, Quartetto Michelangelo) e attualmente collabora con PMCE, ensemble residente presso il Parco della Musica di Roma per la musica contemporanea. La sua enorme versatilità come camerista lo porta ad esibirsi continuamente in diverse formazioni per le principali stagioni concertistiche italiane.
GIOVANNI AULETTA
Nato a Napoli, ha iniziato i suoi studi musicali con il M° Luigi Averna, diplomandosi successivamente sotto la guida del M° Sergio Fiorentino con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio S. Pietro a Majella di Napoli.
Per la sua formazione è stato determinante l’incontro con il M° Sergio Perticaroli, sotto la cui guida ha conseguito il diploma di perfezionamento con il massimo dei voti e la lode presso l’Accademia  di S. Cecilia di Roma.
Svolge un’intensa attività concertistica sia come solista che in formazioni da camera che lo ha portato ad esibirsi in Italia per importanti Associazioni ed Enti quali: “Accademia S. Cecilia” di Roma, Teatro dell’Opera di Roma, "Associazione Scarlatti” di Napoli  "Associazione Internazionale Chopin", "Società dei Concerti" di Milano, "Associazione il Globo" di Napoli, "Estate Musicale Sorrentina", "Istituto S. Cecilia" di Portogruaro, "Opera Universitaria" Università degli studi Federico II° di Napoli, "Associazione Musicale" di Pesaro, Conservatorio S. Pietro a Majella di Napoli, “Università Bocconi” di Milano, “Teatro Carlo Felice” di Genova e all’estero a Vienna, Parigi, Amsterdam, Madrid, Barcellona, Valencia, Dortmund, Berlino, Tokyo, New York, Miami.
E’ stato scritturato dalla Mozart Gesellschaft di Salisburgo  per una serie di concerti con l’Orchestra Sinfonica di Berlino, ed in seguito è stato invitato per una tournée con l’Orchestra filarmonica di NovoSibirsk e di S. Pietroburgo.
Ha effettuato  registrazioni per la RAI Radiotelevisione Italiana - Radio Polacca - France 2 - La TVE Spagnola - Yougoslavian Radio Television - Televisione Tedesca.
Dal novembre 1996 in occasione di una registrazione dal vivo per la Radio Iberica è stato membro del prestigioso Quartetto con pianoforte Hemera, onorato dall’invito del Governo spagnolo ad offrire un concerto al Parlamento per la Famiglia Reale.
Ha registrato un doppio CD  a Madrid con il tenore Joaquin Pixan ed il violinista Ara Malikian per l’etichetta EMI interamente dedicato a F.P. Tosti con alcuni brani pianistici di recente ritrovamento ed in prima esecuzione assoluta per il quale ha ricevuto il titolo di Membro Onorario dall’Istituto Nazionale Tostiano di Ortona.
È docente di ruolo per la Cattedra di Pianoforte presso il Conservatorio di Santa Cecilia di Roma.
TULLIO FORLENZA
Il pianista italiano Tullio Forlenza ha tenuto il suo primo concerto a Salerno, sua città natale, all'età di 12 anni, con l'esecuzione integrale dei Piccoli Preludi e Fughette di J. S. Bach. Questa naturale predisposizione alla musica polifonica ha contraddistinto il percorso artistico di questo musicista, che spesso inserisce nei suoi programmi da concerto Preludi e Fughe dal Clavicembalo Bentemperato e Canoni e Fughe dal Gradus ad Parnassum di Muzio Clementi.
Si è diplomato al Conservatorio di Salerno a 23 anni con il massimo dei voti e la lode, con l'esecuzione, fra l'altro, di una magistrale interpretazione dei Quadri di un'esposizione di Mussorgsky, brano che è poi rimasto uno dei caposaldi della sua attività concertistica.
Peculiarità che caratterizza questo pianista è quella di proporre accanto a un repertorio di grande tradizione - Bach, Mozart, Beethoven, Chopin, Quadri di un'esposizione di Mussorgsky, Petruchka di Stravinsky - composizioni più inusuali ma di grande interesse e fascino.
I sonatisti italiani del 1700 - Abate Romano De Rossi, Paradisi, Galuppi, Cimarosa, Rutini, Clementi - sono inseriti frequentemente nei suoi programmi; un intero concerto di queste musiche ha tenuto a Roma, a Palazzo Farnese, su invito dell'Accademia di Francia.
La fascinosa Suite di Borodin - denominata Petite Suite, ma che in realtà occupa un'intera prima parte di concerto - è stata di volta in volta affiancata ai Quadri di un'esposizione oppure, come in Portogallo nel 2010, all'Auditorium di Carnaxide, a Ragtime, Tango, Circus Polka e Petruchka di Stravinsky.
Di assoluto interesse, e con unanime plauso della critica per la lucidità e intensità interpretativa, i 24 Preludi Op.34 di Dimitri Schostakovic, opera di estrema complessità, affiancata in concerto per antitetico contrasto a composizioni di Mozart, e in questa veste eseguita nel 2008 nella tournéein Galles (Port Talbot, Swansea, Newport) e nell vicina Oxford.
Nel 2011, in occasione del bicentenario della nascita di Franz Liszt, Tullio Forlenza ha proposto di questo compositore opere dell'ultimo periodo, poco frequentate ma di notevole impegno tecnico e interpretativo, quali La lugubre gondola I e II, Romance e Romance oubliée, Terzo Mefisto Valzer, Czarda ostinata e Czarda macabra. Eseguite, fra l'altro, alla stagione dei Concerti Pianistici Internazionali di Palazzo Rybna a Cracovia.
Particolalissimo è il programma da concerto intitolato Kinderkonzert, eseguito in moltissime occasioni, fra cui in Portogallo nel 2010, all'Auditorium di Oeiras, sempre con grande successo di pubblico, e composto da: Mozart - Sonata facile in do K545; Beethoven - Sonata giovanile in fa min. WoO 47 n.2; Schumann - Scene infantili Op.15; Schostakovic - Danze della bambola.
Una interessante novità è il recente inserimento nel suo repertorio della Toccata e Fuga in sol di Girolamo Frescobaldi, nella trascrizione di Bela Bartók.
A completare il panorama dell'attività concertistica del pianista Tullio Forlenza, solo alcuni accenni della sua pur molto frequente partecipazione a concerti di musica d'insieme, anche in quei casi con programmi che si caratterizzano per la loro particolarità: Libeslieder Walzer Op.52 di Brahms per coro e pianoforte a quattro mani; trascrizione per pianoforte a quattro mani de I pini di Roma di Respighi; Sonata per corno e pianoforte di Beethoven; per violino, corno e pianoforte il Notturno Concertante Op.68 di Dussek e il Trio Op.40 di Brahms;
Nel 2012 costituisce con il soprano Elvira Maria Iannuzzi e il clarinettista Massimiliano Ghiribelli il Das Wiegentrio, specializzato in brani originali per questa formazione composti da autori quali Schubert, Spohr, Kalliwoda, Lachner, Schonnenbeeck, McCabe, Bliss.
Nel 2015 ha fondato l'antologia pianistica on-line in alta definizione audio www.growingpianist.it

MelisMandolin Quartet
Salvatore Della Vecchia - Carla Senese, mandolini
Marcello Smigliante Gentile, mandola e mandoloncello
Riccardo Del Prete, chitarra

MelisMandolin Quartet è una formazione a plettro fondata nel 2013 composta da musicisti con alle spalle una ricca attività concertistica, che insieme hanno maturato l’obiettivo di divulgare e valorizzare la musica da camera per mandolino.
Il loro repertorio spazia dalla musica originale per lo strumento fino alle trascrizioni di brani scelti e realizzati dal quartetto stesso.
Il MelisMandolin Quartet è inoltre dedicatario di numerosi brani da parte di compositori che ne hanno apprezzato la ricchezza espressiva e le potenzialità interpretative.
Il MelisMandolin quartet si è esibito al 44° Festival Internacional de Plectro de La Rioja in Spagna ed all’ 11° FestivalInternacional “Mandolines de Lunel” in Francia ed ha al suo attivo numerosi concerti in diverse rassegne in Italia,
come Un Castello all’orizzonte a Postignano (PG), Jeux D’Arts – Festival Internazionale Villa d’Este a Tivoli, Musica ai Santi Apostoli a Roma, XXII Festival Internazionale di Musica da Camera in Irpinia, Anacaprifamusica XV edizione, Salotti di Thalberg” – III Edizione presso Villa Lucia (NA), Concerti di Primavera 2015 XVII edizione presso la Comunità Evangelica Luterana di Napoli.
Il Duo Perfetto
di recente ha vinto il primo premio assoluto per la chamber music al concorso Tim, il torneo internazionale di musica, che si è svolto a Torino e la cui partecipazione era legata al superamento delle preselezioni che la commissione ha svolto nelle diverse capitali in giro per il mondo nei due anni precedenti.
Il duo nasce dall'incontro di due personalità molto simili dal punto di vista musicale ma provenienti da percorsi notevolmente differenti. Proprio la similitudine di intento musicale ed origini eterogenee caratterizzano il duo, il quale vanta un repertorio che spazia dalle forme compositive più classiche a quelle più innovative d'ispirazione jazzistica. Nonostante la piuttosto recente costituzione del duo, numerosi sono i concerti e le rassegne che li hanno visti impegnati in Italia e nel mondo; nel mese di ottobre, infatti, hanno tenuto diversi concerti tra Dresda, Bari, Roma e Berlino.
Importanti, inoltre, sono i progetti che li vedranno protagonisti per tutto il 2017 in diversi festival anche all'estero (Francia, Germania, Svizzera); in Italia in stagioni importanti come quella del Teatro Lirico di Cagliari. Recentemente, il duo ha tenuto un concerto a Torino in favore dell ‘associazione antimafia “Libera” di padre Ciotti, in occasione della quale è stato utilizzato un pianoforte Steinway and Sons del 1870, interamente costruito con legno di rose e della cui manifattura esistono solo altri due esemplari in tutto il mondo, uno dei quali custodito alla Casa Bianca.
Un anno fa, il duo ha preso parte alla inaugurazione di “Eurasia”, il museo sull’ Ermitage che celebrava, dinanzi alla delegazione di San Pietroburgo, il gemellaggio tra Cagliari e la città russa; altra partecipazione per la inaugurazione della una mostra d'arte contemporanea sul Santo Antioco itinerante tra la città di Sant’ Antioco, Roma e New York. In attivo il duo vanta già due cd, il secondo, è stato registrato in parte presso il Forum Music Village di Roma, gli studi di Ennio Morricone, e presso la sala da concerto della Fazioli.
Infine, il duo è stato ospite di diverse trasmissioni radiofoniche e televisive, tra le più rilevanti si ricordano: la partecipazione a Radio3 “Suite” del 23 maggio scorso e quella del 28 ottobre, sempre su Radio3, alla trasmissione “La stanza della musica” in occasione della quale il duo si è esibito live, dopo l’ intervista del compositore Francesco Antonioni.

Rassegne stampa
“…posso affermare con soddisfazione di essermi trovato di fronte ad eccellenti musicisti capaci di approcciare la musica con mente aperta, orecchio puro e una profonda sensibilità unitamente al raro dono della esatta proprietà stilistica. Non sono solamente due eccellenti musicisti che suonano insieme con una raffinata musicalità, un bellissimo suono e tecnica straordinaria. Il fatto è che solo insieme riescono a raggiungere un magico affiatamento capace di catturare l'attenzione del pubblico con una specialissima personalità di Duo…"
Massimiliano Stefanelli

”…evidenti sono risultate la straordinaria affinità e musicalità dei due musicisti i quali, in perfetta sintonia tra loro, hanno evidenziato le complicate forme dei brani di Kabalesky e Kapustin, con naturalezza, gusto e competenza tecnica…“
Giampaolo Bisanti

” suonando brani di Kabalesky e Kapustin hanno dato prova non solo della loro eccezionale capacità tecnica strumentale ed interpretativa ma, grazie alla loro evidente passione per la musica russa, offrono con musicalità piena di fantasia, anche una rara capacità di diffondere le opere di tali particolari compositori tra il grande pubblico..“
Albrecht

”…Per chi non aveva ancora avuta la fortuna di ascoltarlo nei numerosi concerti e rassegne che lo ha visto protagonista in tutta l’Isola e che lo vedrà in Italia e nel resto del mondo – in settembre, per esempio, in concerto tra Dresda e Berlino – il duo artistico, si è esibito con un entusiasmo, una precisione nel tocco, una fantasia di suoni e gesti, che ne hanno fatto apprezzare le peculiarità al caldissimo pubblico presente in sala. La loro musica dal vivo è stata trascinante, la scenografia dei loro corpi è stata un matrimonio riuscito tra anime e strumenti, gli arrangiamenti dei brani sono stati carichi di innovazione e passionalità, l’affiatamento dei tasti e delle corde, ha seguito il sorriso dei volti che raggiungevano sempre, in un tripudio di note, gli animi degli spettatori…“
Sardegna News

It is my pleasure to recommend “Duo Perfetto”.
I have known pianist Clorinda Perfetto and cellist Robert Witt for the past 11 years.
These two outstanding Musicians have been performing with their Duo Perfetto for some years now,
bringing pleasure to their audiences!
Especially interesting is the repertoire that the Duo Perfetto perform! Works seldom heard in concert,
works that should be heard by chamber music lovers all over the World!
Duo Perfetto played to me some weeks ago in Cagliari, Sardegna, and I was highly impressed and
touched by their music making!
I can highly recommend the Due Perfetto to our Musical World.
Yours sincerely.
Gérard Korsten.
(Principal Conductor- Symphonieorchester Vorarlberg, Bregenz).
(Principal Guest Conductor-London Mozart Players

Robert Witt
Nato a Dresda nel 1971 ha studiato violoncello presso la Hochschule fuer Musik “Hanns Eisler”di Berlino con i maestri P. Vogler e M.Pfaender.
Vincitore nel 1986 del concorso “J.S.Bach”di Lipsia, ha proseguito i propri studi a Mosca con il maestro V. Simon, primo violoncello della Radio Orchestra di Mosca. Dopo il diploma si è perfezionato sotto la guida di Daniel Shafran.
Dal 1994 al 2004 è stato Stellvertretender Solocellist della Staatskapelle Dresden dove ha eseguito l'intero repertorio operistico e di balletto da primo violoncello sotto la direzione – tra gli altri - di James Levine, Bernhard Haitink, Giuseppe Sinopoli, Michail Jurowski, Wolfgang Rennert, John Fiore, Arthur Fagen, Stefan Soltesz, Ingo Metzmacher, Siegfried Kurz, Christof Prick, Friedemann Layer.
In concomitanza con l'attività d'orchestra ha insegnato violoncello presso la Hochschule fuer Musik “Carl Maria von Weber” di Dresda.
Da solista ha suonato, in quegli anni, i concerti di J.Haydn con l'orchestra “Dresdner Kapellsolisten“ della Staatskapelle e il concerto per violoncello e orchestra di Dmitri Shostakovich op.107 con la “Robert Schumann Philharmonie” (Zwickau).
Innamoratosi della Sardegna durante un viaggio in bicicletta, ha deciso di trasferirsi a Cagliari, dove lavora dal 2004 in qualità di primo violoncello presso il Teatro Lirico.
Parallelamente all’attività d’orchestra, continua ad operare come solista in diverse formazioni da camera, e a insegnare violoncello in masterclass in Italia e negli Stati Uniti.
Tra le formazioni da camera e i solisti con i quali ha suonato e suona attualmente si ricordano: Alexej Igudesman, Rastrelli Quartett, Pavel Vernikoff, Gregor Witt, Sergej Krylov, Esther Hoppe, Chaarts Chamber Aartists, Casal Quartett e il Karalis Cello Quartett, esibendosi per diversi Teatri e Festival tra i quali: il Gewandhaus di Lipsia, la Staatsoper di Berlino, la Semperoper di Dresda, la Carnegie Hall di New York, il Rheingau Musikfestival (Germania), il Boswiler Sommer Festival (Svizzera), Musik zwischen den Welte (Germania), Kammermusik der Staatskapelle Dresden, Teatro lirico di Cagliari e Carloforte Musik Festival.

Genovese d'adozione, il tenore macedone Blagoj Nacoski nasce a Skopje in una famiglia di musicisti. Comincia lo studio del canto sotto la guida di sua madre e successivamente in Italia, a Roma e a Firenze.

Nel febbraio 2003, fa il suo debutto con il ruolo di Arturo in “Lucia di Lammermoor” di G. Donizetti al Teatro dell’Opera di Roma, sotto la direzione del Maestro Daniel Oren e con la regia di Graham Vick. Successivamente canta il ruolo di Don Ottavio nel “Don Giovanni” di W. A. Mozart a Miskolc (Ungheria) a fianco di Renato Bruson nel ruolo del protagonista. Da quel momento intraprende la carriera internazionale cantando nei maggiori teatri italiani, quali la Scala di Milano, Maggio Musicale Fiorentino, San Carlo di Napoli, Regio di Parma, Carlo Felice di Genova, Verdi di Trieste, La Fenice di Venezia, Lirico di Cagliari, Petruzzelli di Bari, Macerata Opera Festival, Alighieri di Ravenna, Fraschini di Pavia, Rendano di Cosenza, e stranieri come la Opernhaus di Zurigo, Frankfurt Oper, Bayerische Staatsoper di Monaco, Staatsoper di Stoccarda, Théatre Royal de la Monnaie di Bruxelles, New York City Opera, Seattle Opera, Canadian Opera Company di Toronto, Teatro Bunka Kaikan di Tokyo, New National Theater di Tokyo, Suntory Hall di Tokyo, Opera di Limoges, Teatro Municipal di San Paolo, Ryutopia Center Niigata, Teatro Solìs di Montevideo, Gran Theatre du Aix-En-Provence, Opera Nazionale Macedone di Skopje, Busan Cultural Centre, Opera Nazionale Polacca di Varsavia, Busan Cultural Center, Teatro Nazionale di Praga, Teatro Nazionale di Fiume, come anche il Festival di Salisburgo, Vilnius City Opera, Miskolc Opera Festival, Ohrid Summer Festival, Hallwyl Festival, Paphos Opera Festival ecc. esibendosi con grande successo soprattutto nei ruoli mozartiani come Ferrando (Così fan tutte), Don Ottavio (Don Giovanni), Tamino (Il flauto magico), Belmonte (Il ratto dal Serraglio), Alessandro (Il re pastore) Scipione (Il sogno di Scipione) inciso in DVD per la Deutsche Grammophon, nonché nei ruoli di Almaviva (Il barbiere di Siviglia, Rossini), Lindoro (L’Italiana in Algeri, Rossini), Don Narciso (Turco in Italia, Rossini), Don Ramiro (Cenerentola, Rossini) Ernesto (Don Pasquale, Donizetti), Nemorino (L'elisir d'amore, Donizetti) Fenton (Falstaff, Verdi), Lysander (Il sogno di una notte di mezz’estate, Britten), Peter Quint (Il giro di vite, Britten) Pescatore (Stravinsky, Le Rossignol), Golo (Genoveva, Schumann), Aedo (Marco Polo, Zanettovich – prima mondiale), Orfeo (Orpheé aux Enfers, Offenbach).

Oltre al repertorio operistico Blagoj Nacoski si dedica anche alla liederistica e alla musica sinfonica. Da ricordare i Liebeslieder di Brahms al Quirinale di Roma in collaborazione con RadioRai3, la Nona Sinfonia di Beethoven a Sofia e a Cagliari, Requiem di Mozart a Genova e a Bari, la Messa in Si minore di Bach a Roma, Dichterliebe di Schumann a Milano e Genova.

Blagoj Nacoski ha collaborato con direttori quali Riccardo Chailly, Nicola Luisotti, Daniel Oren, Bruno Bartoletti, Fabio Luisi, Christoph von Dohnànyi, Ivor Bolton, Carlo Rizzi, Thomas Guschlbauer, Antonello Allemandi, Will Crutchfield, Jonathan Webb, Paul Daniel, Julia Jones, Gerard Korsten, Robin Ticciati, Riccardo Frizza e registi come Graham Vick, Gabriele Lavia, Daniele Abbado, Mario Martone, Michael Hampe, Jürgen Flimm, Christof Loy, Luc Bondy, Nikolaus Lehnhof, John Cox, Claus Guth, Peter Kazaras, Francesco Micheli, Marco Carniti, Giorgio Gallione, Michael Sturminger, Stephen Medcalf, Klaus Zehelein, Denis Krief, Davide Livermore, Marina Bianchi.

Oltre al DVD de “Il sogno di Scipione” di Mozart per la Deutsche Grammophon, ha inciso “Ariadne auf Naxos” di R. Strauss in DVD per la TDK, “Roméo et Juliette” di Ch. Gounod in CD per la DECCA, “Turandot” in DVD per la DECCA, “Lucia di Lammermoor” di Donizetti in CD per la Dynamic, “Te Deum” di Colusso in CD per MR Classics nonché diverse incisioni sia per la Radio che per la Televisione Nazionale Macedone (MRTV), la TV TELMA e la TV giapponese NHK.

Nel 2008 gli è stato conferito il Titolo Onorario “Ambasciatore della cultura della Repubblica di Macedonia” dal Governo macedone. Dal 2016 è Ambasciatore dell'UNEDUCH.

Di recente è stato Pong (Turandot) al Teatro alla Scala di Milano, Spoletta (Tosca) alla Scala di Milano e alla New York City Opera, Almaviva (Il barbiere di Siviglia) a Skopje, nonché a Busan (Corea del Sud), Don Ramiro (Cenerentola) al Festival di Pafos (Cipro), protagonista nella prima mondiale de “La Paura” di Orazio Sciortino al Teatro Coccia di Novara, Licino in “Zenobia in Palmira” al Teatro San Carlo di Napoli, Pong a Macao, Tianjin e Harbin, Tamino (Flauto magico) a Livorno, Pisa e Lucca, Don Ottavio a Skopje, Ferrando al teatro Carlo Felice di Genova e all'Opera di Massy. I suoi prossimi impegni prevedono lo Stiffelio a Parma, Turandot in Cina e in Giappone.
Clorinda Perfetto
collabora dal 2001 in maniera continuativa con la fondazione Teatro Lirico di Cagliari in qualita’ di primo pianoforte dell'orchestra e Maestro collaboratore di sala e palcoscenico.
Svolge attività concertistica e da camera e tra le formazioni da camera delle quali attualmente fa parte si ricorda il FACE Quartet, nella quale svolge il ruolo di primo pianoforte e che è costituito dalla pianista Angela Oliviero e dai percussionisti Filippo Gianfriddo ed Emiliano Rossi. La loro attivita’ li ha visti impegnati come ospiti del festival “Spazio musica 2010” e, nello stesso anno, dello storico Festival di Bologna nell’ambito della rassegna “Il Nuovo e l’ Antico” la cui registrazione è stata trasmessa su Radio3.
Nel ruolo di professore d'orchestra, ha suonato sotto la direzione di numerosi direttori d’ orchestra tra i quali G. Pretre, G. Korsten, W. Marshall, H. Haenchen, J. Brown, O. Rudner, R. Purvis., M. Letonja, M. Agrest, G. Pehlivanian, G. Bond, P. Steinberg, M. Benini, A. Vedernikov, C. Mandeal, R. Palumbo, D. Renzetti, J. Jones, J. Kovatchev, G. Grazioli, H. Schellenberger, H. Soudant.
Ha collaborato, inoltre, in qualità di pianista al coro con i Maestri P.Vero, W.Spaulding, F. Fogliazza e, regolarmente, con il coro di voci bianche del Teatro lirico di Cagliari condotto dal Maestro E. Di Maira (in particolare, ha fornito il suo contributo a produzioni operistiche di prestigio quali Oprocnik, trasmessa in diretta radiofonica da Rai Radio Tre nel 2003 e incisa per la casa discografica Dynamic, e Hans Heiling, trasmessa in diretta Euroradio nel 2004).
Nata nel 1981 inizia lo studio del pianoforte presso il Conservatorio di Cagliari sotto la guida della Prof.ssa A. Eggman Giangrandi. Prosegue poi gli studi con il Maestro Orio Buccellato, della scuola pianistica di T. Aprea, con il quale consegue il Diploma di Pianoforte (massimo dei voti e la lode). All’età di diciassette anni viene scelta, tra i piu’ giovani allievi, come solista per eseguire il concerto n. 5 di L. W. Beethoven accompagnata dall’orchestra dei docenti del Conservatorio di Cagliari. Nel 2006 consegue brillantemente il diploma di Alto Perfezionamento in pianoforte presso l’Accademia Musicale Pescarese con il maestro B. Mezzena, eseguendo il concerto n. 3 di B. Bartok accompagnata dall’orchestra dell’Aquila.
Vincitrice di numerosi concorsi nazionali e internazionali tra i quali concorso “J.S. Bach” di Sestri Levante, “Franz Schubert” di Alessandria, concorso “Città di Alberga”, concorso “Pergolesi” di Napoli, e di diverse borse di studio, si e’ inoltre perfezionata con i maestri S. Knauer, L. Zilberstein, S. Pochekin, J. Karnavicius, V. Sofronitzky.
Nel 2007 si laurea in Giurisprudenza con il massimo dei voti e la lode e nel 2010 consegue la Laurea specialistica in discipline musicali con la votazione di 110/110 e lode, affiancando alla specializzazione in pianoforte lo studio della direzione d’orchestra sotto la guida del M. A. Tarchetti. Infine, nel 2013 supera l'esame di stato e consegue l'abilitazione come Avvocato.
 
A. P. S. Camera Musicale Romana sede legale: via Ernesto Parisi, 27 - 00134 Roma
Sede concerti: Covento Ss. XII Apostoli via del vaccaro, 9 - 00187 Roma
Torna ai contenuti | Torna al menu